Seguici su

Canottaggio

Canottaggio, Olimpiadi Tokyo: Italia d’oro al femminile, bronzo per Oppo-Ruta. Tutti i podi di giornata

Pubblicato

il

La notte italiana si colora d’azzurro grazie al canottaggio alle Olimpiadi di Tokyo: dopo 21 anni l’Italia torna a vincere un titolo olimpico e lo fa con la prima medaglia nella storia del settore femminile, grazie a Valentina Rodini e Federica Cesarini, che portano il doppio pesi leggeri al successo davanti a Francia e Paesi Bassi.

Doppio pesi leggeri sul podio anche al maschile, con il bronzo di Stefano Oppo e Pietro Willy Ruta, i quali riportano l’Italia sul podio in questa specialità dopo 21 anni. Azzurri battuti soltanto dalla favoritissima Irlanda e dalla Germania, che si fregia così della medaglia d’argento.

Altri due titoli vengono assegnati nella notte italiana: scrivono la storia di questo sport i fratelli Sinkovic, che dopo l’oro in doppio a Rio 2016, passano al due senza e conquistano un altro titolo olimpico per la Croazia, superando Romania e Danimarca.

L’Italia di Giovanni Abagnale e Vincenzo Abbagnale in Finale B centra l’11° posto, mentre nella stessa specialità, tra le donne le azzurre Kiri Tontodonati ed Aisha Rocek, sempre in Finale B, chiudono al 12° posto. In Finale A l’oro va alla Nuova Zelanda davanti al ROC ed al Canada.

Nelle semifinali in programma in vista delle ultime finali di domani non riesce l’impresa di centrare l’atto conclusivo a Gennaro Di Mauro, che nel singolo senior maschile è quarto nella prima semifinale e dovrà accontentarsi della Finale B che metterà in palio il settimo posto assoluto.

I PODI DEL CANOTTAGGIO DEL 29 LUGLIO

Canottaggio, due senza senior maschile
1 Croazia
2 Romania
3 Danimarca

Canottaggio, due senza senior femminile
1 Nuova Zelanda
2 ROC
3 Canada

Canottaggio, doppio pesi leggeri maschile
1 Irlanda
2 Germania
3 Italia (Stefano Oppo, Pietro Willy Ruta)

Canottaggio, doppio pesi leggeri femminile
1 Italia (Valentina Rodini, Federica Cesarini)
2 Francia
3 Paesi Bassi

Foto: LaPresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *