Nuoto di fondo, Giulia Gabbrielleschi splendido argento nella 5 km degli Europei dietro l’inarrivabile Van Rouwendaal

Non è stata la solita cornice del Lago Balaton a essere teatro della prima gara degli Europei 2021 di nuoto di fondo a Budapest (Ungheria). Sulla spiaggia cittadina del Lago Lupa, a circa 15 minuti dalla Duna Arena (sede delle gare del nuoto in piscina), ha preso il via infatti la rassegna continentale e l’Italia ha risposto subito presente nella 5 km femminile.

Le acque magiare, rese insidiose dalle temperature (16°C/17°C) che hanno costretto le atlete a gareggiare con la muta, hanno regalato la prima medaglia alla spedizione tricolore. A rendersi protagonista di ciò è stata una fantastica Giulia Gabbrielleschi che, quando si tratta di affrontare gli Europei, sa sempre tirar fuori quel qualcosa di speciale. Tre anni fa, a Glasgow, l’azzurra conquisto l’argento nella 10 km. In questo caso è arrivato un prestigioso secondo posto nella 5 km con il crono di 58:49.3.

Una gara che ha vissuto sul forcing dell’olandese (campionessa olimpica della 10 km a Rio 2016) Sharon van Rouwendaal. L’azione della neerlandese è stata incisiva fin dalle prime bracciate e le ha permesso di conquistare il successo con il tempo di 58:45.2, a precedere di 4.1 Gabrielleschi e di 6.2 la francese Oceane Cassignol.

Decisamente buona la prova di squadra del Bel Paese, tenendo conto del sesto posto di Ginevra Taddeucci (+12.6) e del nono di Barbara Pozzobon (+15.2). Una competizione a cui, purtroppo, non ha potuto rispondere presente Arianna Bridi a causa di una lieve miocardite.

LA CLASSIFICA FINALE DELLA 5 KM DONNE – EUROPEI 2021

1 13 NED NED VAN ROUWENDAAL Sharon 09 SEP 1993 58:45.2
2 8 ITA ITA GABBRIELLESCHI Giulia 24 JUL 1996 58:49.3 4.1
3 6 FRA FRA CASSIGNOL Oceane 26 MAY 2000 58:51.4 6.2
4 18 FRA FRA GRANGEON Lara 21 SEP 1991 58:56.4 11.2
5 20 GER GER BECK Leonie 27 MAY 1997 58:57.2 12.0
6 17 ITA ITA TADDEUCCI Ginevra 03 MAY 1997 58:57.8 12.6
7 1 GER GER SPIWOKS Jeannette 18 NOV 1998 58:59.4 14.2
8 14 POR POR ANDRE’ Angelica 13 OCT 1994 59:00.3 15.1
9 15 ITA ITA POZZOBON Barbara 17 SEP 1993 59:00.4 15.2
10 12 AUT AUT ENKNER Johanna 26 MAY 2000 1:00:44.8 1:59.6
11 3 CZE CZE BENESOVA Alena 16 APR 1998 1:00:46.1 2:00.9
12 9 RUS RUS ERMAKOVA Valeriia 08 DEC 1997 1:00:46.4 2:01.2
13 2 RUS RUS SOROKINA Ekaterina 29 MAR 2001 1:00:47.3 2:02.1
14 16 HUN HUN SZIMCSAK Mira 07 FEB 2004 1:00:47.9 2:02.7
15 11 HUN HUN VAS Luca 07 MAR 2000 1:00:48.0 2:02.8
16 10 CZE CZE STERBOVA Lenka 08 AUG 1994 1:00:51.5 2:06.3
17 19 RUS RUS KOLESNIKOVA Sofia 12 APR 1998 1:00:51.8 2:06.6
18 5 CZE CZE PLESKOTOVA Julie 22 JAN 2002 1:02:05.9 3:20.7
19 4 GRE GRE GIANNOPOULOU Nefeli Evan 06 DEC 2001 1:02:13.1 3:27.9
20 7 DEN DEN RUBY Laerke Toft 11 SEP 1999 1:06:59.3 8:14.1

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Atletica, Marcell Jacobs: “9”87 non è impossibile per me. Alle Olimpiadi di Tokyo in finale con 10″ netti nei 100″

Vela, Giancarlo Pedote: “Tre mesi in solitaria non si dimenticano con una sciacquata al volto”