NBA 2021, i risultati della notte (17 maggio): le 30 squadre in campo insieme, Westbrook trascina i Wizards al play-in. Tutti i verdetti

Come pochissime altre volte nella storia, almeno da quando le franchigie NBA sono diventate 30, tutte quante sono scese in campo nella notte. 72a e ultima partita di regular season per tutte, ma non è una di quelle normali: si decidono infatti diversi posti tra playoff e play-in. Andiamo a vedere cos’è accaduto.

I New York Knicks (41-31) superano bene i Boston Celtics (36-36) per 96-92, chiudono la regular season in bellezza e si godono un RJ Barrett da 22 punti, sorretto da Julius Randle con 20 e Alec Burks con 17. Dall’altra parte non bastano i 18 dalla panchina di Jabari Parker. Ma la vera gara decisiva è quella dei Washington Wizards (34-38), che battono gli Charlotte Hornets (33-39) 115-110 e si assicurano l’ottavo posto a Est e la sfida proprio con i Celtics nel play-in. Il tutto con l’ennesima tripla doppia di Russell Westbrook, che scrive 23-15-10, e con i 25 punti di Bradley Beal. Sul fronte avversario 22 i punti di Terry Rozier, leader di una squadra che manda sette uomini in doppia cifra. Sono noni gli Indiana Pacers (34-38), vittoriosi sul parquet dei Toronto Raptors (27-45) per 113-125 con ben tre doppie doppie: Domantas Sabonis (25 e 16), Oshae Brissett (31 e 10) e TJ McConnell (12 e 17 assist) gli autori. Per i Raptors 27 di Malachi Flynn.

I Golden State Warriors (39-33) blindano l’ottava posizione a Ovest, e il diritto di giocare il play-in per andare direttamente ai playoff, battendo per 113-101 i Memphis Grizzlies (38-34) nello scontro diretto che serviva appunto a sbloccare questa parità. Steph Curry, quando il gioco si fa duro, risponde presente: 46 punti con 9/22 da tre, 7 rimbalzi e 9 assist per una partita delle sue e l’aiuto di Andrew Wiggins (21 e 10 rimbalzi). Inutili per i Grizzlies i 29 e 16 di Jonas Valanciunas e l’intero quintetto in doppia cifra. Per i Phoenix Suns (51-21), invece, successo per 121-123 sui San Antonio Spurs (33-39) che li fa entrare nei playoff con le solite sicurezze e i 22 dalla panchina di E’Twaun Moore, protagonista attivo di una notte da otto uomini in doppia cifra e che, soprattutto, gli regala la tripla della vittoria a 2″2 dal termine. Non bastano a San Antonio i 23 di DeMar DeRozan.

I Philadelphia 76ers (49-23) chiudono al primo posto a Est battendo per 128-117 gli Orlando Magic (21-51) e trovando il protagonista forse più inaspettato, Tyrese Maxey, che in una sera senza sia Embiid che Simmons scrive quota 30 sul proprio tabellino, lui che viaggia a 8 punti di media. Non bastano dall’altra parte i 37 di un debordante Cole Anthony. Inutile, dunque, il successo dei Brooklyn Nets (48-24) per 123-109 sui Cleveland Cavaliers (22-50): i 23 punti e 13 assist di Kevin Durant, i 17 di Kyrie Irving e i sette uomini in doppia cifra bastano a tenersi, ad ogni modo, la seconda posizione; sul fronte opposto 18 di Dean Wade (che non c’entra niente con il suo illustre omonimo) e di Isaac Okoro.

Ordinaria amministrazione per gli Atlanta Hawks (41-31), che regolano i derelitti Houston Rockets (17-55) per 124-95 potendo tenere a riposo i primi violini e sfruttando, in questo modo, gli otto uomini in doppia cifra che cominciano con la doppia doppia di Onyeka Okongwu da 21 punti e 15 rimbalzi). Per gli ospiti 18 di Armoni Brooks e DJ Augustin. Dopo gli Hawks quinti a Est, ci sono i Miami Heat (40-32) sesti, oltre che vittoriosi sui Detroit Pistons (20-52) per 107-120 con 23 punti e 10 rimbalzi di Precious Achiuwa e 20 di Max Strus, cui si oppongono vanamente i 22 di Saddiq Bey.

Travolgenti gli Utah Jazz (52-20), che non fanno sconti ai Sacramento Kings (31-41), li battono per 99-121 e guardano tutti dall’alto in basso a Ovest. Spaventosa la prestazione di Jordan Clarkson, da 33 punti in uscita dalla panchina, a sorreggere un collettivo da sette uomini in doppia cifra, Bojan Bogdanovic a 18 punti e Rudy Gobert a 13 e 16 rimbalzi, mentre dall’altra parte ce ne sono 20 di Terence Davis. Altro verdetto importante: i Portland Trail Blazers (42-30), battendo i Denver Nuggets (47-25) per 132-116, si guadagnano il diritto di evitare il play-in, spedendovi i Lakers. 24 i punti di CJ McCollum, con le doppie doppie (differenti) di Damian Lillard, Jusuf Nurkic ed Enes Kanter a impreziosire la notte e neutralizzare i 23 di Markus Howard, i 21 di Nikola Jokic e i 12 di Paul Millsap.

Non approfittano della situazione i Los Angeles Clippers (47-25), fermati in trasferta dagli Oklahoma City Thunder (22-49) per 117-112. Con i big a riposo, non basta un enorme apporto della panchina (con Terance Mann a 19) per fermare le fiammate del trio Aleksey Pokusevski (29)- Josh Hall (25 e 10 rimbalzi)-Moses Brown (24 e 18 rimbalzi). Vittoria inutile, come si è accennato, per i Los Angeles Lakers (42-30) sui New Orleans Pelicans (31-41): il 98-110 non evita quella che, per LeBron James, è una scocciatura non da poco pubblicamente ammessa, sebbene in altri termini. Il 23 si prende comunque i suoi 25 punti, trascinando l’intero quintetto in doppia cifra contro i 19 e 13 rimbalzi di Willy Hernangomez.

I Dallas Mavericks (42-30), piuttosto tranquilli nelle loro certezze, lasciano strada ai Minnesota Timberwolves (23-49) per 136-121, facendo ruotare un po’ tutti. Per i vincitori della notte 30 punti di Anthony Edwards e 23 di D’Angelo Russell (con 10 assist) e di Karl-Anthony Towns. In quota Mavs sono 18 i punti a testa di Luka Doncic e Kristaps Porzingis, mentre Nicolò Melli ne realizza 10 in 15 minuti. Infine, i Chicago Bulls (31-41) regolano per 118-112 i Milwaukee Bucks (46-26), grazie ai 20 di Thaddeus Young e ai 19 di Coby White approfittando di una sera senza big (e Giannis Antetokounmpo) per gli avversari, che scoprono Jordan Nwora come autore di 34 punti e 14 rimbalzi.

I RISULTATI DELLA NOTTE NBA

New York Knicks-Boston Celtics 96-92
Washington Wizards-Charlotte Hornets 115-110
Toronto Raptors-Indiana Pacers 113-125
San Antonio Spurs-Phoenix Suns 121-123
Golden State Warriors-Memphis Grizzlies 113-101
Philadelphia 76ers-Orlando Magic 128-117
Brooklyn Nets-Cleveland Cavaliers 123-109
Atlanta Hawks-Houston Rockets 124-95
Detroit Pistons-Miami Heat 107-120
Sacramento Kings-Utah Jazz 99-121
Portland Trail Blazers-Denver Nuggets 132-116
Oklahoma City Thunder-Los Angeles Clippers 117-112
New Orleans Pelicans-Los Angeles Lakers 98-110
Minnesota Timberwolves-Dallas Mavericks 136-121
Chicago Bulls-Milwaukee Bucks 118-112

LA GRIGLIA PLAYOFF

PLAY-IN

WESTERN CONFERENCE
Grizzlies-Spurs
Lakers-Warriors

EASTERN CONFERENCE
Pacers-Hornets
Celtics-Wizards

PLAYOFF

WESTERN CONFERENCE
Jazz-8a testa di serie
Clippers-Mavericks
Nuggets-Portland
Suns-7a testa di serie

EASTERN CONFERENCE
76ers-8a testa di serie
Knicks-Hawks
Bucks-Heat
Nets-7a testa di serie

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, i promossi e bocciati del GP di Francia. Jack Miller indiavolato, Bagnaia salvo e Valentino Rossi si risveglia

Basket: Brindisi e Virtus Bologna, è caccia alla chiusura delle serie di quarti di finale contro Trieste e Treviso