Judo, Francesca Milani è terza nel Grand Slam di Kazan! Ipotecato il pass per Tokyo nei 48 kg

L’Italjudo parte forte anche a Kazan e raccoglie subito un risultato estremamente importante in ottica olimpica, con il terzo posto di Francesca Milani nella categoria fino a 48 kg. Sui tatami della Tatneft Arena è andata in scena quest’oggi la prima giornata di gara del quinto Grand Slam della stagione, inizialmente programmato a Parigi e poi ricollocato in Russia a causa della pandemia.

La 27enne romana si conferma così sul podio per il terzo Grand Slam consecutivo (fu seconda a Tbilisi e prima ad Antalya), blindando quasi definitivamente il pass per i Giochi Olimpici di Tokyo 2021 quando mancano solo i Mondiali di Budapest prima della fine del periodo di qualificazione. Milani, ottava testa di serie del tabellone, ha debuttato in mattinata regolando l’ostica turca Gulkader Senturk costringendo l’avversaria alla resa su un sankaku gatame, per poi avere la meglio sulla tedesca Nathalie Kolein per ippon con una bella proiezione allo scadere dei regolamentari.

Ai quarti la nostra portacolori non ha potuto nulla contro la fenomenale giapponese Funa Tonaki (vincitrice del torneo con quattro ippon di fila molto rapidi), una delle grandi favorite per la medaglia d’oro a Tokyo, accedendo comunque ai ripescaggi. L’atleta laziale classe 1993 a quel punto si è riscattata prontamente, imponendosi per hansoku make (triplo shido) sulla russa Kristina Bulgakova e guadagnandosi un posto in finale per il 3° posto contro la francese Shirine Boukli.

Quest’ultima, campionessa d’Europa nel 2020 già selezionata dalla Francia per l’Olimpiade, si è però infortunata nel corso della sua semifinale persa contro la russa Irina Dolgova ed è stata quindi costretta a dare forfait per la finalina, regalando di fatto a Milani senza combattere il terzo gradino del podio e soprattutto 500 punti cruciali nel ranking olimpico. Gara difficile in chiave azzurra sempre nei 48 kg per Francesca Giorda, battuta agli ottavi dalla serba Milica Nikolic per ippon (osaekomi) dopo essere andata molto vicina a passare in vantaggio per waza-ari. In precedenza, la piemontese aveva superato agevolmente il primo turno per ippon contro Priscilla Morand (Mauritius).

Eliminati all’esordio invece tutti gli altri italiani impegnati oggi, tra categorie maschili e femminili. Sconfitta per waza-ari al Golden Score da parte della giovanissima azzurra Veronica Toniolo nei 57 kg con la tedesca Amelie Stoll, mentre nei 60 kg sono arrivati due k.o. durante i 4 minuti regolamentari per Diego Rea (waza-ari contro il ceco David Pulkrabek) e Andrea Carlino (ippon con il brasiliano Eric Takabatake). Out al primo turno anche la coppia nostrana nei 66 kg: Mattia Miceli ha ceduto il passo al bielorusso Dzmitry Minkou (ippon a 4″ dalla fine), capace poi di issarsi fino al 2° posto, mentre Carmine Di Loreto si è dovuto arrendere al Golden Score con l’azero Elchin Huseynov.

Di seguito il riepilogo dei podi della prima giornata del Grand Slam Kazan 2021 di judo:

-48 kg F
1 Tonaki (Jpn)
2 Dolgova (Rus)
3 Milani (Ita) e Khubulova (Rus)

-52 kg F
1 Uta Abe (Jpn)
2 Gneto (Fra)
3 Perez Box (Esp) e Tschopp (Sui)

-57 kg F
1 Receveaux (Fra)
2 Mezhetskaia (Rus)
3 Stoll (Ger) e Perisic (Srb)

-60 kg M
1 Chkhvimiani (Geo)
2 Mshvidobadze (Rus)
3 Abdulaev (Rus) e Syukenov (Kaz)

-66 kg M
1 Chopanov (Rus)
2 Minkou (Blr)
3 Kuanov (Kaz) e Shamilov (Rus)

Foto: IJF

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Europa League 2021, Roma-Manchester United, in palio la finale: i giallorossi per una rimonta impossibile, Fonseca per farsi rimpiangere

Masters1000 Madrid, Jannik Sinner si arrende ad Alexei Popyrin e alla tosse