Giro d’Italia 2021, Damiano Caruso sogna ad occhi aperti! Solo Bernal gli è superiore in salita: podio possibile!

Il Bel Paese continua ad essere più che vivo al Giro d’Italia 2021. A portare in alto la bandiera tricolore in chiave classifica generale ci sta pensando però un uomo inatteso, un corridore che per anni si è limitato al mestiere di gregario e che sta cogliendo la sua occasione al meglio. Stiamo parlando di Damiano Caruso, capitano della Bahrain-Victorious.

Condizione spettacolare per il siciliano che, dopo il ritiro del proprio leader, Mikel Landa, si è preso in mano le redini della propria compagine e sta timbrando, giorno dopo giorno, prestazioni eccezionali. L’ultima, in ordine di tempo, quella odierna: in una tappa difficilissima con il Passo Giau da scalare e l’arrivo in discesa a Cortina d’Ampezzo, Caruso si è confermato il primo degli umani.

In salita solamente un Egan Bernal mostruoso, con già il Trofeo Senza Fine ipotecato, sembra essere superiore all’alfiere azzurro. In vetta alla Cima Coppi infatti il più vicino al colombiano in Maglia Rosa, in solitaria, era proprio l’isolano che, salendo con il proprio passo, era riuscito a difendersi al meglio.

Solamente 27” accusati, terza posizione odierna, seconda in classifica a 2’24” con un netto margine su tutti gli inseguitori. Caruso può sognare: è lui il più accreditato per il podio di Milano. 

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Damiano Caruso Giro d'Italia 2021

ultimo aggiornamento: 24-05-2021


Lascia un commento

Giro d’Italia 2021, Davide Formolo: “Ho pagato lo sforzo in salita, ci riproveremo nei prossimi giorni”

‘La Fagianata’ di Riccardo Magrini: “La tappa si poteva fare, Evenepoel troppo esaltato. Bernal come Pantani”