Tennis, Gilles Simon: “Le ‘bolle’ servono solo per proteggere i tornei e non i giocatori”

Il tennista francese Gilles Simon sicuramente parla chiaro e le sue idee alimentano spesso delle discussioni a riguardo. Il 36enne transalpino, ormai avviato verso la conclusione della propria attività agonistica (top-10 nel 2009 e n.63 ATP oggi), è pronto per affrontare il suo ottavo di finale nell’ATP di Cagliari contro l’azzurro Lorenzo Sonego.

Tuttavia, Simon più che di aspetti tecnici ha rivelato alcuni aspetti interessati, a L’Equipe, sull’organizzazione dei tornei e la gestione delle cosiddette “bolle”. A detta del giocatore transalpino, questo sistema, ideato per garantire la sicurezza di tutti e minimizzare i rischi legati al Covid, è solo un’assicurazione per la disputa del torneo.

Personalmente sono contro le bolle, ma è un’opinione e non vorrei più arrabbiarmi per questo. Mi sono detto: ‘va bene, ci sono le bolle, in base a queste condizioni sceglierò il mio calendario. Vado in località dove il tempo è bello. Qui (a Cagliari) il club è bello, poi andrò a Barcellona e all’Estoril’. Mi sto adattando. Ormai ho già smesso di dire di non fare bolle, anche se è evidente che non ci siano differenze nei casi positivi rispetto al circuito Challenger, dove non ci sono… Alle fine hai due opzioni: o gli dici che la cosa non ti va bene, e questo è l’unico modo per combattere, o ti adatti“, ha sottolineato Simon.

Il giocatore d’Oltralpe ha poi espresso in maniera ancor più chiara il proprio punto di vista: “Tutto il mondo è al limite, alla fine sono i giocatori a giocarci in queste condizioni. Per me le bolle sono lì per proteggere i tornei e non i giocatori. Sono rassegnato, credo che non cambierà nulla. Ho sempre detto che l’ATP è molto più dei tornei che dei giocatori, e questa situazione sta rendendo il tutto ancora più chiaro“.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Gilles Simon

ultimo aggiornamento: 08-04-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MMA, chi è Kevin Holland. Trail Blazer al cospetto di Marvin Vettori

Rugby femminile, Sei Nazioni 2021: Rigoni “Abbiamo una buona rosa, con l’Inghilterra vogliamo provarci”