ATP Belgrado 2021, Matteo Berrettini e Novak Djokovic in semifinale, Mager cede a Karatsev

Giornata di quarti di finale che va in archivio in quel di Belgrado (Serbia), sede del torneo ATP 250. Sulla terra rossa serba abbiamo, quindi, i qualificati ai penultimi atti e tutto sommato i pronostici sono stati rispettati.

Si parte dalla lieta notizia in casa italiana, ovvero dal successo di Matteo Berrettini (n.10 del mondo) che ha sconfitto in due set per 6-4 6-4 il serbo Filip Krajinovic (n.33 del mondo). Una vittoria significativa per il romano che, dopo i tanti problemi fisici dell’ultimo periodo, si è guadagnato l’accesso a una semifinale che tanto bene fa al morale. Da notare come l’avversario di oggi, ovvero Krajinovic, sia lo stesso della Finale del torneo di Budapest che Matteo vinse nel suo magico 2019. Nel prossimo round, il top-10 se la vedrà con la sorpresa di giornata ovvero il giapponese Taro Daniel (n.126 del ranking).

Il nipponico ha sconfitto l’argentino Federico Delbonis (n.84 del ranking) per 4-6 6-1 7-5 in 2 ore e 19 minuti di partita, riuscendo a cambiare marcia dal secondo parziale in poi, rispondendo alla grande al sudamericano, in pieno controllo della prima frazione. Sulla carta i favori del pronostico sono per Berrettini, ma l’italiano non dovrà distrarsi al cospetto di un giocatore che sulla terra balcanica si è espresso su ottimi livelli.

Vittoria prevedibile per l’idolo di casa Novak Djokovic: il n.1 del mondo ha battuto nel derby tutto serbo Miomir Kecmanovic (n.47 del ranking) per 6-1 6-3 in 1 ora e 16 di gioco, confermando la sua superiorità. Un prestazione solida per Nole che dovrà prepararsi ad affrontare l’insidioso russo Aslan Karatsev, replicando un’altra semifinale di ben altro prestigio, ovvero quella degli Australian Open 2021 (vinta dal campione nativo di Belgrado).

Karatsev per meritarsi la sfida contro Djokovic ha sconfitto l’altro azzurro protagonista quest’oggi, Gianluca Mager (n.98 del mondo): la potenza del russo ha fatto la differenza nei momenti decisivi, nonostante i tentativi del ligure di rimanere in partita. Il 6-3 6-4 ha fatto calare il sipario sull’incontro.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

ATP Belgrado 2021: Gianluca Mager lotta, ma deve lasciar strada ad Aslan Karatsev per la semifinale con Djokovic

Tuffi, l’Italia parteciperà alla Coppa del Mondo: gli azzurri convocati per Tokyo