Scozia-Italia rugby: numeri, statistiche, precedenti. Gli azzurri non vincono dal 2015

Oggi, sabato 20 marzo, alle ore 15.15 italiane, l’Italia del rugby scenderà in campo in casa della Scozia, nel match valido per la quinta giornata del Sei Nazioni 2021. Si tratta del confronto ufficiale numero 43 della storia tra Italia e Scozia.

Nei 42 precedenti 34 vittorie degli scozzesi ed 8 degli azzurri. In questi 42 incontri, l’Italia ha messo a segno 529 punti contro i 794 della Scozia, mentre guardando al conto delle mete, quelle degli azzurri sono 46, mentre quelle della Scozia sono 81.

Delle otto affermazioni azzurre, sei sono arrivate in casa e due in trasferta, tra le quali l’ultima in assoluto, datata 28 febbraio 2015, quando nel Sei Nazioni l’Italia passò ad Edimburgo per 19-22, marcando tre mete e subendone una soltanto. Da allora però sono arrivati nove successi consecutivi della Scozia.

La formazione titolare dell’Italia vede Padovani estremo e Ioane e Bellini all’ala, mentre la coppia di centri sarà formata da Mori e Brex. Garbisi e Varney saranno in mediana, mentre Lamaro, Meyer e Negri saranno in terza linea, con Ruzza e Cannone in seconda e Fischetti e Riccioni ai lati di capitan Bigi in prima. In panchina Lucchesi, Lovotti, Zilocchi, Favretto, Mbandà, Violi, Canna e Zanon.

LE FORMAZIONI DI SCOZIA-ITALIA

Edimburgo, Murrayfield Stadium – Sabato 20 marzo 2021, ore 15.15 italiane
Guinness Sei Nazioni 2021, V giornata
Scozia v Italia
Scozia: Maitland; Graham, Jones, Johnson, Van der Merwe; Hogg (cap), Steele; M. Fagerson, Watson, Ritchie; Gilchrist, Skinner; Z. Fagerson, Cherry, Sutherland. A disposizione: Turner, Bhatti, Berghan, Craig, Haining, Price, Van der Walt, Harris. All.: Townsend.
Italia: Padovani; Bellini, Brex, Mori, Ioane; Garbisi, Varney; Lamaro, Meyer, Negri; Ruzza, Cannone; Riccioni, Bigi (cap), Fischetti. A disposizione: Lucchesi, Lovotti, Zilocchi, Favretto, Mbandà, Violi, Canna, Zanon. All. Smith.
Arb. Gauzere (FFR).

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calendario Serie A oggi: orari partite, tv, streaming 20 marzo, programma Sky e DAZN

WTA Monterrey 2021, i risultati del 19 marzo: le semifinali saranno Fernandez-Sorribes Tormo e Li-Golubic