Seguici su

Rugby

Scozia-Italia rugby: numeri, statistiche, precedenti. Gli azzurri non vincono dal 2015

Pubblicato

il

Oggi, sabato 20 marzo, alle ore 15.15 italiane, l’Italia del rugby scenderà in campo in casa della Scozia, nel match valido per la quinta giornata del Sei Nazioni 2021. Si tratta del confronto ufficiale numero 43 della storia tra Italia e Scozia.

Nei 42 precedenti 34 vittorie degli scozzesi ed 8 degli azzurri. In questi 42 incontri, l’Italia ha messo a segno 529 punti contro i 794 della Scozia, mentre guardando al conto delle mete, quelle degli azzurri sono 46, mentre quelle della Scozia sono 81.

Delle otto affermazioni azzurre, sei sono arrivate in casa e due in trasferta, tra le quali l’ultima in assoluto, datata 28 febbraio 2015, quando nel Sei Nazioni l’Italia passò ad Edimburgo per 19-22, marcando tre mete e subendone una soltanto. Da allora però sono arrivati nove successi consecutivi della Scozia.

La formazione titolare dell’Italia vede Padovani estremo e Ioane e Bellini all’ala, mentre la coppia di centri sarà formata da Mori e Brex. Garbisi e Varney saranno in mediana, mentre Lamaro, Meyer e Negri saranno in terza linea, con Ruzza e Cannone in seconda e Fischetti e Riccioni ai lati di capitan Bigi in prima. In panchina Lucchesi, Lovotti, Zilocchi, Favretto, Mbandà, Violi, Canna e Zanon.

LE FORMAZIONI DI SCOZIA-ITALIA

Edimburgo, Murrayfield Stadium – Sabato 20 marzo 2021, ore 15.15 italiane
Guinness Sei Nazioni 2021, V giornata
Scozia v Italia
Scozia: Maitland; Graham, Jones, Johnson, Van der Merwe; Hogg (cap), Steele; M. Fagerson, Watson, Ritchie; Gilchrist, Skinner; Z. Fagerson, Cherry, Sutherland. A disposizione: Turner, Bhatti, Berghan, Craig, Haining, Price, Van der Walt, Harris. All.: Townsend.
Italia: Padovani; Bellini, Brex, Mori, Ioane; Garbisi, Varney; Lamaro, Meyer, Negri; Ruzza, Cannone; Riccioni, Bigi (cap), Fischetti. A disposizione: Lucchesi, Lovotti, Zilocchi, Favretto, Mbandà, Violi, Canna, Zanon. All. Smith.
Arb. Gauzere (FFR).

[sc name=”banner-article”]

Foto: LaPresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *