Atletica, Europei Indoor: Gianmarco Tamberi vola in finale con scioltezza “platino”. Eliminati gli altri italiani

A Torun (Polonia) sono incominciati gli Europei Indoor 2021 di atletica leggera. Nella giornata d’apertura erano impegnati otto azzurri nelle cinque specialità in programma (qualificazioni e batterie, le prime medaglie si assegneranno soltanto domani).

Tutto estremamente semplice per Gianmarco Tamberi, che supera agevolmente il turno di qualificazione del salto in alto. Il marchigiano si è presentato in pedana con un nuovo e inatteso look: capigliatura biondo platino in modalità Goku Super Sayan, dopo aver abbandonato la “mezza-barba” come dichiarato più volte nelle ultime settimane. Il ribattezzato Gimbo, presentatosi a questo appuntamento con la miglior prestazione mondiale stagionale (il 2.35 stampato tredici giorni fa ad Ancona in occasione dei Campionati Italiani), non deve faticare più di tanto: due comodi salti in calzamaglia alle basse quote di 2.16 e 2.21 per chiudere agevolmente i conti e dare appuntamento alla finale di domenica 7 marzo (ore 11.25).

Il 28enne è l’unico a non commettere errori insieme al bielorusso Maksim Nedasekau, suo grande rivale per la conquista della medaglia d’oro (vista anche l’assenza dell’ucraino Andriy Protsenko) e già capace di saltare 2.34 tre settimane fa in una tappa del World Indoor Tour (in quell’occasione ebbe la meglio proprio sull’azzurro). Gianmarco Tamberi partirà con i favori del pronostico per confermarsi sul gradino più alto del podio dopo l’apoteosi di due anni fa a Glasgow, ma il già Campione del Mondo al coperto dovrà stare attento anche agli altri finalisti, sulla carta inferiori rispetto al nostro portacolori: il tedesco Mateusz Przybylko (il campione europeo all’aperto ha commesso un errore a 2.16), l’ucraino Dmytro Nikitin, il lituano Adrijus Glebauskas, il tedesco Tobias Potye, il belga Thomas Carmoy e l’ungherese Daniel Jankovics.

Antonino Trio si ferma al dodicesimo posto nelle qualifiche del salto in lungo: il 7.55 ottenuto alla terza prova, dopo essersi fermato a 7.40 e 7.48, non basta per accedere all’atto conclusivo, lontano 19 centimetri (serviva il 7.74 del britannico Jacob Fincham-Dukes). I migliori del turno sono stati i grandi favoriti della vigilia, ovvero lo svedese Thobias Montler (8.18) e il greco Miltiadis Tentoglou (8.04 per il campione uscente).

Niente da fare nemmeno per la capitana Chiara Rosa. La pesista, alla 53ma presenza in azzurro, si ferma a 16.90 metri nel turno di qualificazione in cui si sono distinte la tedesca Christina Schwanitz (18.86), la bielorussa Aliona Dubitskaya (18.74) e la spagnola Maria Belen Toimil (18.64). Eliminazione anche per le due azzurre impegnate sui 3000 metri: Ludovica Cavalli chiude all’undicesimo posto la prima batteria col crono di 9:14.85 (si è imposta la britannica Amy-Eloise Markovc in 8:56.26); Giulia Aprile è decima in 9:17.66 nella seconda serie (vinta dall’altra britannica Ockenden in 8:52.60 dopo la squalifica della slovena Mismas-Zrimsek). Termina l’avventura dei nostri portacolori nelle batterie dei 1500 metri: Joao Bussotti Neves, Pietro Arese e Federico Riva non sono riusciti a passare il turno.

Foto: FIDAL/Colombo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Strade Bianche 2021, il percorso e tutti i tratti in sterrato

LIVE Atletica, Europei 2021 in DIRETTA: Tamberi si qualifica in scioltezza, fuori gli altri azzurri