Prada Cup, Luna Rossa in semifinale contro American Magic. Come sta Patriot dopo la scuffia? Barca verso la riparazione

Luna Rossa non è riuscita a battere Ineos Uk e quindi dovrà disputare la semifinale della Prada Cup. L’imbarcazione italiana sperava di sconfiggere i britannici nelle due regate del weekend e di staccare così il pass diretto per l’atto conclusivo della competizione, ma purtroppo si è dovuta arrendere al termine di una gara estremamente combattuta e sarà così costretta a passare dalla contesa contro American Magic. Sarà un confronto al meglio delle sette regate, passerà il turno chi ne conquisterà quatto (29 gennaio-2 febbraio).

Luna Rossa ha sconfitto American Magic per due volte nello scorso fine settimana: la prima nettamente per meriti tecnici, la seconda grazie alla scuffia degli statunitensi. Dean Barker e compagni si sono cappottati alla virata del gate-5, quando erano nettamente in vantaggio. La barca ha rischiato l’inabissamento ed è tornata sottocoperta con la scafo squarciato e tantissimi problemi tecnici. Il team a stelle e strisce sta lavorando alacremente per riparare il danno subito domenica scorsa e dovrebbe farsi trovare pronto per l’inizio della semifinale.

L’opera di riparazione sta procedendo nel miglior modo possibile, anche perché Team New Zealand (detentore della America’s Cup Cup) ha aiutato American Magic in questa corsa contro il tempo. Lo skipper Terry Hutchinson ha rilasciato una battuta subito dopo la sconfitta di Luna Rossa contro Ineos Uk: “Il nostro shore team ha terminato il lavoro necessario per preparare il pannello costruito da New Zealand. La squadra sta facendo passi da gigante e, anche se è presto per dirlo, confidiamo di essere pronti per la semifinale contro Luna Rossa. Abbiamo intenzione di uscire in acqua prima della regata di settimana prossima“. American Magic dunque è praticamente pronta, anche se ci sono incognite sul suo reale stato di forma. Luna Rossa è chiamata a una magia, la strada verso la Vecchia Brocca è tutta in salita.

Foto: Luna Rossa Press

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Classifica Coppa del Mondo sci di fondo femminile 2021: Jessie Diggins rimane al comando senza particolari problemi

Sci alpino, Curtoni: “Finalmente continua dall’inizio alla fine”, Pirovano: “Cresco gara dopo gara”, Brignone: “La visibilità mi ha tradito”