Pattinaggio artistico, Dmitri Aliev torna sul ghiaccio dopo il Covid-19

Sembra essere passata la paura per Dmitri Aliev, atleta russo di primo piano nel mondo del pattinaggio artistico che ha saltato gli ultimi appuntamenti della stagione dopo aver contratto il Coronavirus nei primi giorni di dicembre.

Il Campione d’Europa in carica infatti ha fatto sapere tramite l’agenzia locale TASS di essere definitivamente guarito dalla malattia e di aver nuovamente ripreso confidenza con il ghiaccio. “Dima è tornato ad allenarsi il 4 gennaio. È difficile parlare dello stato di forma in cui si trova e se le conseguenze del coronavirus lo stiano influenzando o meno. Ci vorrà un po’ di tempo per capirlo“, queste le parole di Evgeni Rukavitsin, attuale coach del pattinatore che inoltre, ai microfoni di Ria Novosti, ha raccontato la fase di ripresa del suo allievo: “Non appena è risultato negativo al tampone, è volato al campo di addestramento di Sochi più tardi degli altri e ha iniziato ad allenarsi il 17 dicembre. Ma si è rivelato impossibile preparare il Campionato Russo in soli cinque giorni. Si è recato quindi nella sua città natale, Ukhta, in un campo di recupero, dove si è impegnato nello sci di fondo e, una volta al giorno, nel pattinaggio, preparazione fisica generale e altri sport. Di questo siamo molto grati ai suoi genitori. Il 4 gennaio è andato sul ghiaccio nella sua Accademia di pattinaggio di figura a San Pietroburgo. Ormai ha ripristinato tutti i salti”.

Aliev a causa del Covid non ha partecipato dunque né alla quinta tappa della Coppa Di Russia né ai Campionati Nazionali, rassegna da lui vinta nel 2019. Nonostante il lungo periodo passato lontano dalla pista, la possibilità di prendere parte alla rassegna iridata di Stoccolma (Svezia) nel mese di marzo non è del tutto svanita: il Presidente della FFKKR Aleksandr Gorshkov infatti, considerata la situazione sui generis, ha stabilito che, ad eccezione dei primi classificati alla ai Nazionali Russi, i rimanenti componenti della squadra verranno decretati tramite nuove competizioni ideate apposta per l’occasione.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, i precedenti dell’Italia a St. Anton. Un solo successo con Gustav Thoeni e tre medaglie iridate nel 2001

Ciclismo: Wout van Aert vicino al rinnovo del contratto con la Jumbo-Visma