Dakar 2021, Joan Barreda domina la seconda tappa, 2° Brabec. Price perde terreno

Sabbia e ancora sabbia per i concorrenti di questa seconda tappa della Dakar 2021. Da Bisha a Wadi ad-Dawasir, i protagonisti della Maratona nel deserto hanno affrontato 457 km di prova speciali, oltre ai 228 di trasferimento. A differenza della prima uscita di ieri, il percorso ha previsto una serie di dune non facili da affrontare. Delle autentiche trappole in cui è stato necessario conciliare gli aspetti puramente prestazionali (velocità) e quelli di navigazione.

E’ stato lo spagnolo Joan Barreda (MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2021) a trionfare in questa seconda prova speciale. L’iberico, con il tempo di 04H 17′ 56” ha preceduto il compagno di marca Ricky Brabec di 3’55”, vincitore della Dakar 2020, e di 6’02” il cileno Pablo Quintanilla (ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING). Una prestazione dominante per Barreda, primo dall’inizio alla fine e abilissimo a districarsi sul terreno sabbioso.

In quarta piazza, il rappresentante di Botswana del Monster Energy Yamaha, Ross Branch, autore di una speciale estremamente regolare, conclusa a 11’54” dalla vetta. La top-10 è stata completata dall’altro cileno Josè Ignacio Cornejo Florimo, altro pilota del MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2021 in grande evidenza quest’oggi (+12’06”), il francese Adrien va Beveren (+12’42”) del MONSTER ENERGY YAMAHA RALLY TEAM, lo slovacco Stefan Svitko (SLOVNAFT RALLY TEAM) a 14’15”, l’argentino Luciano Benavides (ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING) a 15’21”, l’australiano Daniel Sanders (KTM Factory Team) a 16’31”, protagonista nelle prime fasi e in difficoltà nell’ultima parte della tappa, e il transalpino Xavier de Soultrait (HT RALLY RAID HUSQVARNA RACING) a 17’24”.

Giornata difficile per la KTM, che ieri aveva posto il proprio sigillo con l’australiano Toby Price. L’oceanico, il primo a partire oggi, si è trovato in difficoltà su questa tipologia di percorso, concludendo a 32’00” dal vincitore e ben oltre la 20ma posizione (26ma). Problemi anche per l’austriaco Matthias Walkner, costretto a fermarsi nelle prime battute della stage per un problema alla frizione o al cambio e riuscendo a risalire in sella dopo 2 ore e 15 minuti. Davvero un ritardo considerevole per lui.

Con questi risultati Barreda comanda nell’overall con 6’23” di margine su Brabec e 6’37” su Branch.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, i migliori italiani della 14a giornata di Serie A. Tonut, Datome, Totè e Cournooh: i quattro modi diversi per vincere

Classifica Dakar 2021 moto, seconda tappa: Joan Barreda conquista la vetta, Brabec primo inseguitore