America’s Cup 2021: obiettivo Prada Cup per Luna Rossa. Bertelli sogna la sfida ai neozelandesi

Il lunghissimo percorso di avvicinamento è ormai agli sgoccioli ed i riflettori sono già tutti puntati sul golfo di Hauraki in vista della prima giornata ufficiale di gara della Prada Cup 2021, torneo di selezione tra gli sfidanti valevole per la qualificazione alle Finali della 36ma edizione della Coppa America di vela. Gli appassionati italiani sono pronti ad entusiasmarsi a partire da venerdì 15 gennaio per il cammino di Luna Rossa Prada Pirelli Team, Challenger of Record che sogna di vincere la Prada Cup per poter affrontare i campioni in carica di Emirates Team New Zealand dal 6 marzo nell’America’s Cup 2021.

Il team del Bel Paese ha chiuso le World Series di dicembre in terza posizione con un bilancio di 3 vittorie e 3 sconfitte, ma è andata davvero ad un soffio dal primo posto dopo aver perso per un’incollatura la regata decisiva contro Te Rehutai. Luna Rossa ha comunque dimostrato un buon potenziale velocistico anche nei confronti dei padroni di casa, facendo spesso e volentieri la differenza in positivo con i due timonieri James Spithill e Francesco Bruni nella fase di pre-start. La formazione azzurra, guidata dallo skipper e team director Max Sirena, sembra in grado di competere con buone credenziali nelle Challenger Series ed in seguito eventualmente nell’atto conclusivo della manifestazione contro il Defender.

I presupposti per sognare in grande ci sono tutti, anche se la concorrenza è davvero agguerrita e non sarà semplice avere la meglio già in Prada Cup sugli altri sfidanti. Il meteo (quindi la fortuna) potrà recitare un ruolo da protagonista, con Luna Rossa sulla carta più competitiva con vento leggero e meno brillante con vento superiore ai 15 nodi. L’obiettivo in ogni caso è quello di battere Ineos Team UK e American Magic, per poi giocarsi sulle ali dell’entusiasmo il Match di America’s Cup nel ruolo di Challenger contro i detentori di Emirates Team New Zealand.

Foto: Press Luna Rossa

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dakar 2021, Ricky Brabec vince tra le moto. Classifica ribaltata: Cornejo Florimo cade e si ritira, Benavides leader

Sci alpino, le convocate dell’Italia per Kranjska Gora. Bassino e Brignone si giocano la Coppa di gigante