America’s Cup 2021: Luna Rossa progettata per eccellere con vento leggero. Servono progressi con brezza sostenuta

Ormai ci siamo, domani (a partire dalle ore 3 della notte italiana) Luna Rossa scenderà in acqua nella baia di Auckland per disputare la prima regata di Round Robin della Prada Cup 2021 contro i britannici di Ineos Team UK. Comincia ufficialmente dunque il torneo di selezione tra gli sfidanti che stabilirà il nome dell’avversario di Emirates Team New Zealand dal 6 marzo in occasione delle Finali della 36ma Coppa America di vela, il trofeo sportivo più antico al mondo.

Il progetto di Luna Rossa Prada Pirelli è sicuramente ambizioso, con il grande obiettivo di aggiudicarsi la Challenger Series per poi andare a sfidare il Defender in una serie al meglio delle tredici regate con in palio la vecchia brocca. Il team italiano si è già ben comportato lo scorso dicembre durante le America’s Cup World Series, chiudendo in terza posizione assoluta con un bilancio di 3 vittorie e 3 sconfitte ma andando davvero molto vicino al successo finale. In quel contesto, Luna Rossa aveva messo in mostra un potenziale velocistico interessante oltre ad una grandissima abilità tattica da parte della coppia di timonieri James Spithill/Francesco Bruni nelle fasi più delicate del Match Race (soprattutto il pre-start).

L’imbarcazione del Bel Paese, rispetto al resto della concorrenza, si era dimostrata estremamente competitiva con vento leggero e meno brillante con brezza superiore ai 15 nodi. La chiave, oltre alle condizioni meteo del momento, sarà proprio quella di migliorare con vento forte per poter guardare con maggior ottimismo non solo alle fasi finali di Prada Cup, ma soprattutto all’eventuale Match contro Te Rehutai. La fase a gironi delle Challenger Series sarà importante anche da questo punto di vista, per continuare a progredire passo dopo passo in tutte le condizioni che vengono affrontate durante le regate.

Foto: Press Luna Rossa

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Prada Cup 2021: programma, orari e tv 15 gennaio. L’ordine delle sfide di Luna Rossa

Biathlon, sprint Oberhof 2021. Chi fermerà il monopolio norvegese? Wierer e Vittozzi in cerca di riscatto