Nuoto, Benedetta Pilato lancia la sfida a Lilly King. Il record del mondo è già nel mirino

Due decimi. Tanto ha separato oggi Benedetta Pilato dal record del mondo dei 50 rana firmato nientemeno che da Lilly King. Non si può dire certo che lo abbia cercato, la giovane campionessa pugliese, il primato mondiale perchè a chi le fa notare la distanza sempre più ristretta rispetto al primo tempo al mondo, lei risponde candidamente con una domanda: “Quant’è il record del mondo?

Ormai sono finite le parole per descrivere la solidità, la forza, la classe di questa ragazzina che della ragazzina non ha tanto. Il “numero primo”, come l’ha definita il suo tecnico Vito D’Onghia, ha scritto un altro pezzettino di storia e che i 50 non siano gara olimpica importa solo in parte. Sono la qualità, la potenza, il ritmo della nuotata di Benedetta Pilato a stupire e dove possa arrivare non lo sa nessuno.

Se lo immagina, forse, proprio Lilly King che ha praticamente sempre messo il braccio, a volte solo la mano o l’unghia, davanti alla giovane azzurra che, di contro, ha nel mirino il record della statunitense ed è la Pilato stessa a confermarlo, pur inconsapevolmente, confessando che qualche sbavatura, in gara, l’ha fatta anche oggi e che non è ancora la sua prestazione perfetta.

Dove può migliorare lo sanno solo lei e il suo tecnico: di sicuro il carattere è quello dei campioni, perché Benedetta Pilato riesce a non farsi condizionare dalle situazioni complicate come poteva essere questo Campionato Italiano dove tutti i fari le erano puntati addosso. Se riuscirà a mantenere questo stato di grazia sarà un osso duro per tutte le rivali, anche a Tokyo, anche se una volta di più ha dimostrato oggi che il suo vero habitat naturale sono proprio i 50 che l’hanno fatta conoscere in Italia prima e nel mondo poi, nel breve volgere di qualche mese.

Un fenomeno da studiare, da tanti punti di vista: un capolavoro di coordinazione e di potenza che può davvero rivoluzionare il mondo della rana al femminile avvicinandola a quella maschile perché il paragone sarà pure irriverente ma, una volta di più, oggi Benedetta Pilato sembrava una piccola Peaty in acqua: tutti lo pensano ma ancora in pochi lo dicono, sarà per scaramanzia.

Foto: Enrico Spada

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: Luca Campogrande si accorda con la Reyer Venezia

Rugby, Challenge Cup: Benetton Treviso, con l’Agen per continuare a vincere