Ginnastica artistica, Europei 2020: Larisa Iordache illumina tra le assenze. Bene Kovacs, Romania davanti a tutte

A Mersin (Turchia) sono incominciati gli Europei 2020 di ginnastica artistica femminile. Ribadiamo, per l’ennesima volta, che si tratta di una rassegna continentale di Serie C perché tutte le Nazioni di vertice hanno deciso di non partecipare a causa dell’emergenza sanitaria: Italia, Russia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Svizzera sono rimaste a casa per salvaguardare la salute dei propri atleti. In sostanza soltanto Romania, Ucraina e Ungheria, oltre alle padrone di casa e a qualche individualista di Paesi di terza fascia, si sono presentate all’appuntamento.

Oggi si è partiti con le qualificazioni seniores. Tutti i riflettori erano puntati sulla rumena Larisa Iordache, unica grande big presente a questo evento. Stiamo parlando di una ragazza capace di conquistare un argento e un bronzo nel concorso generale ai Mondiali in piena era Simone Biles, medagliata a squadre alle Olimpiadi di Londra 2012 e vincitrice di tre ori continentali nelle varie specialità. Ebbene lo scricciolo di Bucarest si è messa in grande mostra e ha chiuso in testa l’all-around virtuale con 54.565 (non si assegneranno medaglie sul giro completo), precedendo le connazionali Silviana Sfiringu (52.665) e Ioana Stanciulescu (51.766).

La 24enne ha chiuso al comando al corpo libero (13.433, 5.7 il D Score) e alla trave (13.633, eccellente 6.0 come nota di partenza), mentre alle parallele è terza (13.566, 5.5) alle spalle dell’ungherese Zsofia Kovacs (14.133, 5.7) e della slovacca Barbora Mokosova (13.466, 5.5). Al volteggio primeggia ancora la tonica magiara Kovacs (14.049) davanti all’ucraina Anastasiia Motak (13.933) e alla stessa Iordache (13.716).

Altri piazzamenti interessanti: Silviana Sfiringu, alla sua prima uscita da senior, è seconda alla trave (13.100) appena davanti all’ucraina Anastasiia Bachynska (13.000), mentre l’altra rumena Antonia Duta è seconda al quadrato (13.200) e lotterà per le medaglie con l’ucraina Angelina Radivilova (13.066). La Romania ha chiuso al comando tra le squadre (159.496) ed è la grande favorita per l’oro (sabato pomeriggio si disputerà la finale del team event), sulla carta Ucraina (154.896) e Ungheria (154.129) lotteranno per le altre piazze sul podio, visto che Turchia (147.129) e Repubblica Ceca (142.229) sono decisamente lontane.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Vlhova deve difendersi nella velocità dalle azzurre e da Michelle Gisin

Salto con gli sci: Karl Geiger trovato positivo al Covid-19. Il tedesco è asintomatico, non gareggerà a Eneglberg