Ginnastica artistica, Europei 2020: Larisa Iordache illumina tra le assenze. Bene Kovacs, Romania davanti a tutte

A Mersin (Turchia) sono incominciati gli Europei 2020 di ginnastica artistica femminile. Ribadiamo, per l’ennesima volta, che si tratta di una rassegna continentale di Serie C perché tutte le Nazioni di vertice hanno deciso di non partecipare a causa dell’emergenza sanitaria: Italia, Russia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Svizzera sono rimaste a casa per salvaguardare la salute dei propri atleti. In sostanza soltanto Romania, Ucraina e Ungheria, oltre alle padrone di casa e a qualche individualista di Paesi di terza fascia, si sono presentate all’appuntamento.

Oggi si è partiti con le qualificazioni seniores. Tutti i riflettori erano puntati sulla rumena Larisa Iordache, unica grande big presente a questo evento. Stiamo parlando di una ragazza capace di conquistare un argento e un bronzo nel concorso generale ai Mondiali in piena era Simone Biles, medagliata a squadre alle Olimpiadi di Londra 2012 e vincitrice di tre ori continentali nelle varie specialità. Ebbene lo scricciolo di Bucarest si è messa in grande mostra e ha chiuso in testa l’all-around virtuale con 54.565 (non si assegneranno medaglie sul giro completo), precedendo le connazionali Silviana Sfiringu (52.665) e Ioana Stanciulescu (51.766).

La 24enne ha chiuso al comando al corpo libero (13.433, 5.7 il D Score) e alla trave (13.633, eccellente 6.0 come nota di partenza), mentre alle parallele è terza (13.566, 5.5) alle spalle dell’ungherese Zsofia Kovacs (14.133, 5.7) e della slovacca Barbora Mokosova (13.466, 5.5). Al volteggio primeggia ancora la tonica magiara Kovacs (14.049) davanti all’ucraina Anastasiia Motak (13.933) e alla stessa Iordache (13.716).

Altri piazzamenti interessanti: Silviana Sfiringu, alla sua prima uscita da senior, è seconda alla trave (13.100) appena davanti all’ucraina Anastasiia Bachynska (13.000), mentre l’altra rumena Antonia Duta è seconda al quadrato (13.200) e lotterà per le medaglie con l’ucraina Angelina Radivilova (13.066). La Romania ha chiuso al comando tra le squadre (159.496) ed è la grande favorita per l’oro (sabato pomeriggio si disputerà la finale del team event), sulla carta Ucraina (154.896) e Ungheria (154.129) lotteranno per le altre piazze sul podio, visto che Turchia (147.129) e Repubblica Ceca (142.229) sono decisamente lontane.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Vlhova deve difendersi nella velocità dalle azzurre e da Michelle Gisin

Salto con gli sci: Karl Geiger trovato positivo al Covid-19. Il tedesco è asintomatico, non gareggerà a Eneglberg