Atletica, Larissa Iapichino: “Per le Olimpiadi non ho il minimo. Sono emozionata che gli Europei 2024 saranno a Roma”

Nonostante il 2020 sia stata una stagione molto particolare, Larissa Iapichino è stata capace di ottenere risultati straordinari come il 6.80 a Savona. La giovane azzurra non è ancora sicura che prenderà parte alle Olimpiadi di Tokyo 2021 poichè il minimo è fissato 2 centimetri oltre il suo record personale, ma per la figlia di Fiona MayGianni Iapichino questo non sembra essere un problema.

Le Olimpiadi di Tokyo le metto ancora nella categoria dell’eventuale .Sicuramente vorrei tornare agli Europei under 20, che saranno a Tallinn nel mese di luglio, per provare a confermarmi dopo due anni. E mi piacerebbe partecipare anche ai Mondiali under 20 di Nairobi, perché a livello giovanile non ho mai gareggiato in una rassegna mondiale. Sono due impegni che possono servirmi per rompere il ghiaccio ancora meglio. Ai Giochi olimpici chi non vorrebbe andarci? Ma al momento non ho né il ‘minimo’ né la certezza della posizione nel ranking, quindi si vedrà”. 

Larissa Iapichino si è detta già emozionata per quel che sarà nel 2024 con gli Europei che si svolgeranno a Roma: “Sono già emozionata martedì appena finito l’allenamento ho aperto i social e sui profili della Federazione ho letto la notizia. Sono stata felicissima. Nel 2024 mi aspetto di essere un’atleta più consapevole, più esperta, e più capace di immergermi nell’atletica che conta. L’abbiamo accolta tutti con moltissimo entusiasmo, è vero. È un’occasione unica che probabilmente non si ripeterà”.

L’azzurra è a lavoro per continuare la sua incredibile crescita: “Tecnica e forza, questi i due aspetti che stiamo curando di più in questa fase – racconta la saltatrice 18enne cresciuta nell’Atletica Firenze Marathon – il mio allenatore si è meravigliato di come sia riuscita ad acquisire rapidamente una stabilità tecnica, quasi senza pensarci troppo. E devo dire che anch’io ne sono rimasta sorpresa. Per di più averlo fatto in una stagione monca, certamente non tutta rose e fiori, e mentalmente non semplice, può dare buone speranze per il futuro“.

salvatore.serio@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Colombo/Fidal

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Larissa Iapichino

ultimo aggiornamento: 16-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pattinaggio artistico a rotelle: Sabatino Aracu rieletto Presidente della FISR, Alessandro Amadesi entra nel Consiglio Federale

F1, Jean Todt: “Michael Schumacher continua a lottare”