Roland Garros 2020: nessun problema per Djokovic, Rublev e Tsitsipas. Ai quarti anche Kenin

Dopo tantissime sorprese e colpi di scena quella di oggi del Roland Garros 2020 non ha regalato clamorosi capovolgimenti rispetto ai pronostici. Novak Djokovic ha sconfitto in tre set Karen Khachanov mostrando come al solito grande solidità e centralità. Il campione serbo ha avuto qualche calo di tensione, comprensibile visto l’andamento del match, alla fine del primo set ma per il resto è sempre stato in assoluto controllo. Il numero 1 del mondo rimane uno dei grandi favoriti insieme al Rafael Nadal.

Ottima prestazione anche di Stefanos Tsitsipas contro Grigor Dimitrov. Nonostante il bulgaro abbia lottato con grande grinta non è riuscito a strappare neanche un set al greco. Il numero 6 del ranking ATP ha dimostrato un ottimo stato di forma e ai quarti dovrà vedersela contro Andrey Rublev. Il russo era chiamato a superare uno dei tennisti più in condizione ovvero l’ungherese Marton Fucsovics. E’ stata una partita ricca di spunti e di colpi di scena nella quale il numero 12 del mondo è riuscito ad imporsi. Nessun problema in chiusura di giornata per Pablo Carreno-Busta al quale sono bastati tre set per vincere contro Daniel Altmaier.

Vincono le favorite anche nel tabellone femminile con Petra Kvitova che si è liberata in due set in poco più di un’ora di Shuai Zhang. La tennista ceca ha messo in campo il meglio del proprio gioco e, vista anche i clamorosi ribaltano avvenuti nei giorni scorsi, si candida seriamente al trionfo finale. Sofia Kenin è stata costretta alla rimonta su Fiona Ferro, la transalpina è stata autrice di un torneo di altissimo livello ma la statunitense è stata superiore soprattutto nei due set finali. Laura Siegemund ha staccato meritatamente il pass per i quarti nel match contro Paula Badosa.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Roland Garros 2020, risultati 5 ottobre: Djokovic, Tsitsipas e Carreño Busta in scioltezza, Rublev in quattro set su Fucsovics

Calcio femminile, Serie A 2020-2021: Milan-Juventus 0-1, Girelli decide la sfida di San Siro. Vecchia Signora in vetta al campionato