MotoGP, Andrea Dovizioso: “Ho sbagliato la scelta di gomme, alla fine non avevo più grip. Il Mondiale? È ancora aperto”

Andrea Dovizioso ha concluso il Gran Premio di Francia in quarta posizione, un risultato complessivamente discreto, che però lascia l’amaro in bocca al veterano forlivese, trovatosi a lottare per la vittoria con il compagno di squadra Danilo Petrucci prima di perdere parecchio terreno a causa di un’azzardatissima staccata di Alex Rins. Nel finale, poi, Dovi è andato in crisi e ha dovuto lasciare strada sia ad Alex Marquez che a Pol Espargaro, dovendo rinunciare al podio e soprattutto perdendo sette preziosi punti nella corsa al Mondiale, dove ha recuperato meno di quanto si sarebbe potuto sperare – vista la situazione creatasi – nei confronti di Fabio Quartararo. Ecco, dunque, le dichiarazioni di Andrea al termine del GP raccolte da speedweek.com.

“Dobbiamo essere contenti, perché abbiamo marcato dei bei punti, però al tempo stesso sono un po’ deluso. La scelta delle gomme non è stata ottimale e alla fine l’abbiamo pagata. Però è sempre facile parlare con il senno di poi. Negli ultimi giri non avevo proprio più grip. L’anteriore era praticamente finita e avrò rischiato di cadere una decina di volte. Non sono riuscito a difendermi da Alex Marquez ed Espargarò, però ho fatto di tutto per tenere dietro Oliveira. All’inizio ho fatto fatica a seguire Danilo, perché il suo handicap sull’asciutto si trasforma nel suo punto di forza sul bagnato. Lui è un pilota pesante e, grazie a questo fatto, sul bagnato ha più grip e può essere più veloce”

Cosa c’è dire riguardo l’attacco di Alex Rins, che lo ha preso a sandwich con il compagno di squadra, costringendo Dovizioso a rallentare e ha perdere contatto con la testa della gara? “Mi ha colto di sorpresa, non me l’aspettavo! Poco prima mi sono toccato con Danilo e questo forse è stato un bene, perchè abbiamo allargato tutti e due un pochino e se non fosse successo forse Rins mi avrebbe centrato in pieno. Volevo passare Danilo per guadagnare terreno, invece mi sono trovato quarto con distacco. Non è stato bello”.

Infine, quali sono le prospettive nell’ottica della corsa al Mondiale? “Ogni weekend si fanno i conti. Ci si aspettava molto dai piloti Ducati in queste condizioni e alla fine abbiamo marcato tanti punti. È un Mondiale folle ed è ancora aperto. Non vedo l’ora di capire come ci comporteremo in Aragona. L’anno scorso siamo andati molto bene là, ma adesso abbiamo gomme completamente diverse, quindi non sappiamo se saremo ancora così forti come nel 2019”.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

paone_francesco[at]yahoo.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: La Presse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Antonio Giovinazzi: “Soddisfatto del risultato, ma senza Safety Car avrei potuto fare anche meglio…”

MotoGP, terza caduta consecutiva per Valentino Rossi. E’ il periodo più nero della carriera