Seguici su

MotoGP

MotoGP, Francesco Bagnaia merita il team ufficiale! Che smacco oggi a Dovizioso e Petrucci!

Pubblicato

il

7 agosto 2020, Francesco “Pecco” Bagnaia scivola nel corso delle prove libere 1 di Brno (Repubblica Ceca). L’esito dei controlli del caso non è confortante: frattura della tibia della gamba destra. Il centauro piemontese, dopo essere stato tradito dalla sua Ducati Pramac a Jerez de la Frontera (Spagna) per un problema tecnico quando era secondo, doveva fare i conti con un infortunio non banale. Fortunatamente il mancato interessamento dei legamenti era uno spiraglio di luce.

Ebbene poco più di un mese dopo, Bagnaia la sua rivincita se l’è presa alla grande: nel GP di casa a Misano, su un layout su cui la Rossa non sempre è stata protagonista, “Pecco” ha messo da parte remore e il dolore alla gamba per sfoggiare una prestazione da urlo. Il suo secondo posto, alle spalle di un eccellente Franco Morbidelli, è qualcosa di più di un piazzamento degno di nota. E’ la dimostrazione che il pilota c’è e soprattutto sa come sfruttare le nuove mescole Michelin, enigmatiche per il resto della truppa di Borgo Panigale.

Il settimo posto di Andrea Dovizioso, il nono del compagno di squadra Jack Miller e il 16° di Danilo Petrucci sono un’indicazione molto chiara. Bagnaia, in ballo per un posto nel team ufficiale al posto di Dovizioso, partente, si sta conquistando in pista, a suon di prestazioni convincenti, quello spazio che merita. Lui, campione del mondo della Moto2 nel 2018 e cresciuto nell’Academy di Valentino Rossi, ha ambizioni da grande nella MotoGP e probabilmente in Ducati hanno realizzato che è giusto puntare su di lui. Probabilmente, nel 2021 avrà la sua chance, sperando che la sfortuna non ponga un freno alla sua ascesa e poi chissà.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *