Show Player

Vuelta a Burgos 2020: Fabio Aru, un nono posto che non allontana i dubbi



Doveva essere la stagione della rinascita per Fabio Aru. La pandemia che ha sconvolto questo 2020 però ha fermato in parte tutto. Con il contratto in scadenza proprio a fine anno, il sardo era obbligato a dimostrar qualcosa per magari tornare ad essere il corridore che nel 2015 dava spettacolo tra Giro d’Italia e Vuelta di Spagna o nel 2017 ne aveva per essere a livello dei migliori al Tour de France.

Dopo qualche annata sottotono, sia per motivi fisici che per motivi psicologici, il sardo si era ripromesso di provare a tornare al top. L’UAE Emirates non ha mai abbandonato uno dei propri capitani, anzi, spesso e volentieri l’ha difeso anche al termine di prestazioni tutt’altro che eccellenti. Fondamentale però sarà riuscire ad agguantare qualche risultato per poter firmare un nuovo contratto.

Loading...
Loading...

Per il momento la prima uscita dopo la ripartenza post lockdown non ha allontanato del tutto i dubbi che gravitano attorno al Cavaliere dei Quattro Mori. Alla Vuelta a Burgos, dominata da uno spaziale Remco Evenepoel, Aru ha chiuso in nona posizione in classifica generale. Una top-10 sufficiente, ma non strepitosa, vista una startlist tutt’altro che di livello stellare. In entrambe le tappe di montagna il sardo ha patito dai migliori perdendo sempre più di un minuto dalla vetta: l’obiettivo della stagione è il Tour de France, a fine agosto, servirà trovare una condizione molto migliore per provare a cambiare le carte in tavola.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top