Seguici su

Formula 1

F1, Kimi Raikkonen: “Non sono contento di essere fuori dai punti, ma il nostro ritmo non era male”

Pubblicato

il

Continua senza acuti di rilievo fino a questo momento la stagione di Alfa Romeo ed in particolare di Kimi Raikkonen, costretto ad accontentarsi ieri di un modesto 15° posto al termine del Gran Premio del 70° Anniversario della Formula 1. Il veterano finlandese, scattato dall’ultima piazzola in griglia a causa di una pessima qualifica, ha disputato comunque una buona corsa recuperando qualche posizione grazie ad una strategia alternativa con un solo pit-stop nonostante il potenziale abbastanza scarso della sua vettura. Il Campione del Mondo 2007 (ultimo a vincere un titolo con la Ferrari) si è fatto notare specialmente per una strenua difesa sulla Red Bull di Albon in un bel duello ruota a ruota andato in scena alla curva Copse di Silverstone.

[sc name=”banner-app-2020″]

Non sono contento di essere fuori dai punti, ovviamente, anche se il nostro ritmo non era male – ha spiegato Kimi al sito ufficiale del team – Abbiamo fatto quello che potevamo, ma dalla ventesima posizione in griglia siamo riusciti solo ad arrivare fino al 15° posto, quindi ci manca ancora qualcosa, soprattutto al sabato, per essere in lotta per la top 10. Da ieri pensavamo fosse possibile una sosta unica, quindi abbiamo provato: le gomme in realtà sono durate bene, avevo ancora un buon grip ma avevo tantissime vibrazioni e ho dovuto rallentare per evitare che qualcosa si rompesse. Alla fine andiamo via a bocca asciutta, quindi dovremo tirare fuori una prestazione migliore se vogliamo essere in lotta per i punti“. Raikkonen è uno dei quattro piloti (insieme ai due Williams e a Grosjean) ancora fermi a zero punti in classifica dopo cinque gare.

[sc name=”banner-article”]

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *