Seguici su

Formula 1

F1, GP 70° Anniversario: analisi delle qualifiche. Ferrari e McLaren giù, crescono Renault e Racing Point

Pubblicato

il

Le qualifiche del Gran Premio del 70° Anniversario sono ormai passate agli archivi. Nella seconda gara in programma a Silverstone in questo 2020 sarà Valtteri Bottas a scattare dalla pole position. La Ferrari è più in difficoltà rispetto a settimana scorsa. Andiamo ad analizzare, squadra per squadra, quanto avvenuto quest’oggi.

MERCEDES (Bottas 1° ; Hamilton 2°) – La Casa di Stoccarda si conferma inattaccabile e monopolizza nuovamente la prima fila. Stavolta però sarà Valtteri Bottas a scattare davanti a Lewis Hamilton, fatto già avvenuto in Austria. Di sicuro, il finlandese è apparso molto pimpante sin da ieri e la sua pole position non è una sorpresa. Vedremo cosa accadrà domani in gara, perché Valtteri è apparso davvero “incarognito” e voglioso di riscatto dopo il pesantissimo 0 a 25 patito dal compagno di squadra la scorsa settimana. La doppietta è probabile, ma come abbiamo domenica 2 agosto, non certo scontata.

FERRARI (Leclerc 8° ; Vettel 11°) – È evidente come la competitività relativa della Ferrari sia peggiorata rispetto a settimana scorsa. L’impressione è che i problemi della Rossa siano sempre gli stessi, ovvero che l’attuale monoposto è imprevedibile e difficilissima da mettere a punto, ma al tempo stesso è verosimile che altri team siano cresciuto di rendimento (Renault e Racing Point su tutti). Di conseguenza Charles Leclerc partirà ottavo e non quarto, il che significa che il GP del 70° Anniversario sarà molto più complesso di quello di Gran Bretagna. Ripetere il podio di domenica scorsa sarà pressoché impossibile, quindi l’obiettivo sarà quello di mettersi in agguato per ottenere il miglior piazzamento possibile, cercando di sfruttare le magagne altrui. In tal senso l’eliminazione di Sebastian Vettel in Q2 non può essere considerata una delusione. Purtroppo il tedesco si è attestato in questo range di classifica in ogni sessione di prove libere, oltre che in Q1. Quindi al momento questo è il suo valore attuale a Silverstone. Seb proprio non riesce a guidare la SF1000 con poco carico e per la gara l’obiettivo massimo sarà quello di racimolare qualche punto.

RED BULL (Verstappen 4° ; Albon 9°) – La Red Bull ha avuto evidenti problemi nello sfruttare le gomme morbide e di conseguenza Max Verstappen ha dovuto cedere la terza posizione a Nico Hülkenberg. L’olandese però ha provato a sparigliare le carte e domani sarà l’unico tra i primi dieci a partire con le hard, mentre tutti gli altri useranno le medie. Si vedrà a quale scelta strategica porterà questa decisione. Di sicuro l’olandese resta il principale candidato a far compagnia sul podio agli alfieri della Mercedes. Sono arrivati dei segnali da parte di Alexander Albon, il quale ribadisce di poter essere molto veloce. Per lui l’obiettivo deve essere quello di essere più costante ad alto livello, anche perché poi in Q3 si è purtroppo perso, vedendosi battuto nuovamente da Gasly.

RACING POINT (Hülkenberg 3° ; Stroll 6°) – Nico Hülkenberg si è scrollato di dosso la ruggine di settimana scorsa e, giunto decisamente più preparato a questo Gran Premio, ha dimostrato tutte le sue qualità velocistiche, ottenendo uno splendido terzo posto in qualifica. Per lui il sogno è quello di ottenere il tanto agognato primo podio della carriera, ma non sarà affatto semplice, visto che le Mercedes e la Red Bull di Verstappen sono avversari decisamente ostici. Al tempo stesso, la tenuta del veterano tedesco durante l’intera gara andrà verificata, visto che sarà il suo primo GP da dicembre. Anche se non dovesse arrivare il podio, l’obiettivo è quello di piazzarsi subito a ridosso, magari davanti al compagno di squadra Lance Stroll. In generale, la Racing Point parte con l’ambizione di inserire ambedue le proprie vetture nella top-six.

MC LAREN (Norris 10°; Sainz 12°) – Per la McLaren vale un po’ lo stesso discorso fatto per la Ferrari, nel senso che la competitività relativa rispetto a settimana scorsa è peggiorata.  L’eliminazione di Carlos Sainz invece non era propriamente attesa. Vero che durante le prove libere erano emerse delle difficoltà nella gestione delle gomme, ma vedere lo spagnolo fuori in Q2 è piuttosto sorprendente. Si annuncia una gara di rincorsa per lui, peraltro reduce dalla delusione della scorsa settimana, quando una foratura all’anteriore sinistra l’ha privato al penultimo giro di quella che avrebbe potuto essere una quarta piazza certa. In ogni caso, il piazzamento di Lando Norris ribadisce che è tutto il team di Woking a soffrire, non solo l’iberico. Pertanto il GP del 70° Anniversario parte con premesse decisamente peggiori rispetto a quello di Gran Bretagna.

RENAULT (Ricciardo 5°; Ocon 14°) – Che bello rivedere Daniel Ricciardo brillare di luce propria! La Renault è progredita rispetto al GP di Gran Bretagna e l’australiano ha confermato in qualifica gli exploit delle prove libere, guadagnando un’eccellente posizione di partenza. Il sogno è quello di ripetere, se non addirittura migliorare, il quarto posto ottenuto in gara la scorsa settimana. Non sarà affatto semplice, perché due gradini del podio sono prenotati e Verstappen non è certo l’ultimo arrivato, però è innegabile che Ricciardo sia nella mischia per ottenere qualcosa di importante e mai quest’anno una Renault si era trovata a partire così avanti. Dunque l’obiettivo sarà di attestarsi nuovamente tra la quarta e la sesta piazza. Riguardo Ocon, il francese resta ancora troppo incostante. Non accedere alla Q3 con questa vettura è sicuramente una delusione. Nel suo caso, sarà difficile ottenere qualcosa di più di un piazzamento nella parte bassa della zona punti. Peraltro la penalizzazione di tre posizioni ricevuta per aver ostacolato Russell nel Q1 complica ancora di più le cose.

ALPHA TAURI (Gasly 7° ; Kvyat 16°) – Nelle prove libere sono arrivati interessanti segnali, poiché entrambi i piloti del team satellite della Red Bull si erano resi protagonisti di prestazioni al di sopra della media stagionale. Pierre Gasly ha confermato quando più contava che non si trattava di un fuoco di paglia, qualificandosi in settima posizione. Per una volta, il francese non si troverà a gareggiare di rincorsa verso la zona punti, ma potrà ambire con credenziali a un piazzamento tra i primi sei-otto. Peraltro, tanto per non farsi mancare niente, ancora una volta ha battuto Albon! Alla luce del valore della monoposto, è una vera disdetta che Daniil Kvyat sia stato “azzoppato” da un problema alla sua vettura. Il russo, a cui a Silverstone non ne sta andando dritta una, sarà costretto a partire dalle retrovie e per entrare in zona punti dovrà prodigarsi in una poderosa rimonta.

HAAS (Grosjean 13° ; Magnussen 17°) – La novità è vedere Romain Grosjean più competitivo di Kevin Magnussen, situazione verificatasi raramente in questo 2020. Davvero bravo il francese a guadagnare accesso alla Q2, mentre il danese per una volta paga dazio. In ottica gara, c’è da scommettere che se dovesse presentarsi l’opportunità, il team di matrice americana tenterà di sparigliare le carte con scelte strategiche azzardate, come avvenuto sia in Ungheria che domenica scorsa, allo scopo di lanciare un assalto alla zona punti. Resta da capire cosa potranno inventarsi.

WILLIAMS (Russell 15° ; Latifi 18°) – Il team si è espresso sui suoi livelli. Vedere George Russell in Q2 è ormai l’abitudine Per la gara l’obiettivo sarà quello di ripetere quanto fatto domenica scorsa, ovvero restare lontani dai guai e sfruttare al meglio le situazioni favorevoli. Per entrare in zona punti ci sarà bisogno di parecchi ritiri altrui.

[sc name=”banner-app-2020″]

ALFA ROMEO (Giovinazzi 19° ; Räikkönen 20°) – Niente da fare, la Q1 resta uno scoglio insormontabile sia per Kimi Räikkönen che per Antonio Giovinazzi, i quali in questa stagione non sono ancora riusciti a superare il primo “taglio”. Quantomeno l’italiano oggi si è dimostrato in linea con il finlandese. Per la gara la prospettiva è, come al solito, quella di fare meglio delle Williams e giocarsela con le Haas. Ottenere qualcosa di più, ovvero la zona punti, è molto complicato e dipenderà dalle circostanze.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI FORMULA 1

paone_francesco[at]yahoo.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: La Presse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *