Ultimate Tennis Showdown 2020: novità sulle regole, tempi in stile basket NBA

Le ultime novità relative al regolamento dell’Ultimate Tennis Showdown, riportate dal celebre giornalista portoghese Josè Morgado, spiegano precisamente cosa voleva intendere Patrick Mouratoglou per “necessità di rivoluzione nel tennis”. Un avvicinamento, cioè, a uno sport che nulla ha a che vedere con quello delle racchette: il basket.

Sebbene non si sia ancora compreso come saranno giocati i set e i punti, è emerso che ogni incontro, che avrà durata massima di circa un’ora, sarà diviso in quattro parti da 12 minuti ciascuna, con intervallo di due minuti. Che, forse per caso o forse no, sono gli stessi tempi impiegati nella NBA per i quarti di gioco (in area FIBA, quella cioè internazionale, i quarti sono da 10 minuti). Previste anche le possibilità di time out e coaching al microfono, oltre che di un codice di comportamento con maglie un po’ più allargate rispetto a quanto accade nel normale circuito ATP.

Resta da comprendere quale sarà il format relativo al conteggio dei set e dei punti, dal momento che Mouratoglou sembra avere un certo gusto per novità, se così si può dire, spiazzanti. La sua idea parte dal fatto che, per i dati che ha ricevuto, l’età media di chi segue il tennis è di 61 anni, e che dunque si dovrebbe fare in modo che più pubblico giovane possa seguire le vicende di questo sport. Che, però, è connaturato a ben altre caratteristiche rispetto a un preciso minutaggio.

Saranno certamente al via dell’Ultimate Tennis Showdown nove giocatori: Matteo Berrettini, il greco Stefanos Tsitsipas, il belga David Goffin, i francesi Lucas Pouille, Benoit Paire e Richard Gasquet, il canadese Felix Auger-Aliassime, l’australiano Alexei Popyrin, il tedesco Dustin Brown. Ne mancherebbe un decimo, il cui atteso annuncio non si è finora palesato.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020: i partecipanti già sicuri e chi invece andrà al Tour de France e alla Vuelta

Adria Tour 2020: i biglietti sono andati a ruba in pochi minuti! Evento non a porte chiuse