Show Player

Coronavirus, misure restrittive prorogate fino al 13 aprile. Speranza: “Non bisogna cedere a facili ottimismi”



Era inevitabile e ora è anche ufficiale: l’Italia rimarrà “chiusa” almeno fino al 13 aprile. Sarà una Pasqua anomala, dunque, per tutta la popolazione italiana, costretta dalla pandemia di coronavirus a rimanere nelle proprie case e ad evitare i classici pranzi di famiglia o le scampagnate. A darne l’annuncio è stato il ministro della Salute Roberto Speranza, nel corso dell’informativa in Senato per fare il punto sull’emergenza che sta attanagliando il nostro Paese.

I dati migliorano ma sarebbe un errore cadere in facili ottimismiha esordito il ministro lucano. L’allarme non è cessato e per questo è importante mantenere fino al 13 aprile tutte le misure di limitazioni economiche e sociali e degli spostamenti individuali“. Secondo Speranza ora è fondamentale non abbassare la guardia: “Gli italiani hanno dato una grandissima prova di maturità. Gli esperti dicono che siamo sulla strada giusta e che le misure drastiche adottate iniziano a dare risultati. Ma sarebbe un errore imperdonabile scambiare questo primo risultato per una sconfitta definitiva del Covid-19: è una battaglia lunga e non dobbiamo abbassare la guardia“.

Loading...
Loading...

“La ripresa – precisa il ministro – “sarà prudente e graduale”. Riguardo alle modalità “sono al lavoro gli scienziati”. La scoperta di un vaccino efficace è senza dubbio fondamentale per sconfiggere l’epidemia: “Senza un vaccino non sconfiggeremo mai il Covid-19, siamo tutti consapevoli che per un periodo non breve dovremo sapere gestire questa fase di transizione ed evitare l’esplosione di nuovi focolai”.

antonio.lucia@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top