Basket, Djordjevic: “Massimo rispetto per le decisioni degli enti superiori. Spero che finita la pandemia saremo tutti più buoni”


Il campionato italiano di pallacanestro è stato dichiarato concluso, data l’emergenza Covid-19, senza vincitori né vinti. Una decisione necessaria, ma che danneggia chi, come la Virtus Bologna, stava facendo un’ottima stagione. Il coach delle V-Nere, Sasha Djordjevic, si è pronunciato sulla situazione situazione ai microfoni de La Stampa. Queste le sue dichiarazioni: “Ho il massimo rispetto per le decisioni di chi sta più in alto di me. Purtroppo, dato il momento, non si poteva fare altrimenti. Ogni giorno vediamo tantissima gente morire. Parlare ora di riassegnazione dello scudetto non ha senso. Nella storia resterà che eravamo primi con buon margine e spiace non essere riusciti a giocarsela fino in fondo“.

L’allenatore serbo, inoltre, ha parlato del futuro della pallacanestro quando tutto questo sarà finito:Il basket avrà il dovere sociale di riunire le persone e creare entusiasmo. Mi auguro che saremo tutti più buoni e meno egoisti. Mi piacerebbe sentire più applausi e meno fischi nei palazzetti. Da giocatore ho sofferto il bullismo del pubblico quando mi chiamavano “assassino serbo” negli anni in cui c’era la guerra nella mia terra“.

Loading...
Loading...

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top