Tennis, ATP Auckland 2020: i risultati del 13 gennaio. Sorprendono i ko di Tiafoe e di Norrie. Fuori Sonego e Sinner

Primo giorno che è andato in archivio ad Auckland (Nuova Zelanda), sede del torneo ATP di scena in questa settimana oceanica. Non arrivano buone notizie sul fronte azzurro: Lorenzo Sonego e Jannik Sinner sono stati eliminati rispettivamente dal polacco Hubert Hurkacz (n.37 ATP) e dal francese Benoit Paire (n.24 del mondo). Due ko che, comunque, vista la statura degli avversari, ci possono anche stare, soprattutto per quanto riguarda l’altoatesino, sconfitto per 6-4 2-6 6-4. Resta però il dato negativo.

Per quanto concerne gli altri match in programma, l’americano Tennys Sandgren (n.68 del ranking) ha superato con il punteggio di 6-4 6-3 il padrone di casa Michael Venus e affronterà negli ottavi di finale l’americano (testa di serie n.4) John Isner. Niente da fare per il britannico Cameron Norrie (n.52 del mondo), contro il brasiliano Thiago Monteiro (n.87 del mondo) per 7-6 (3) 6-2. Una sconfitta pesante per Norrie, che fatica a ritrovare il suo miglior tennis. Il verdeoro sarà il prossimo rivale proprio del citato Paire.

Vince in tre set, invece, il giovane francese Ugo Humbert (n.56 ATP), a segno contro il norvegese Casper Ruud per 7-6 (3) 2-6 6-3. Un risultato che conferma le grandi attitudini del transalpino, che se la vedrà negli ottavi contro il vincente della sfida tra il nostro Marco Cecchinato e il moldavo Radu Albot (n.46 del ranking). Sorprende, infine, l’uscita di scena dello statunitense Frances Tiaofe (n.47 del mondo), superato dallo svedese Mikael Ymer (n.76 del ranking) per 6-4 5-7 6-1. Lo scandinavo sarà il prossimo avversario di Hurkacz.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Charles Leclerc: “Ho imparato tanto da Vettel, è attentissimo ai dettagli”

Ginnastica artistica, Vanessa Ferrari verso il rientro in gara: “Manca un mese, ci sarà da divertirsi”