Show Player

Australian Open 2020: incendi, fumo e ritiri. Jakupovic, Sharapova e quell’aria a tratti irrespirabile



La prima giornata delle qualificazioni degli Australian Open 2020 passerà alla storia, in maniera per la verità abbastanza triste, a causa di tutti i guai provocati dalla qualità dell’aria, irrespirabile alla mattina e andata migliorando col tempo, ma sempre difficile da gestire per qualunque corpo umano.

La notizia principale della giornata è quella di Dalila Jakupovic: la slovena, sul punteggio di 6-4 5-6 e palla del tie-break in proprio favore contro la svizzera Stefanie Voegele, si è piegata improvvisamente a terra, vittima di una crisi respiratoria che non le ha consentito di continuare la partita. Questa vicenda è diretta conseguenza di una decisione presa dall’organizzazione nella mattina: giocare comunque, con l’aria diventata più sopportabile. Gli incontri si sarebbero dovuti tenere fin dalle 10 di mattina, la mezzanotte italiana, ma già nelle ore precedenti moltissimi tra Twitter e Instagram (Patrick Mouratoglou, Sara Errani e numerosi altri) hanno fatto capire la situazione. Nonostante tutto, si è giocato: in molti hanno fatto fatica, qualcuna (come l’americana Whitney Osuigwe, nel match contro Martina Di Giuseppe) è stata chiaramente male in campo, tra la canadese Eugenie Bouchard e la cinese Xiaodi You si sono contati non meno di otto richieste di medical time out. L’ucraina Elina Svitolina, pur dovendo debuttare tra una settimana, non ci è andata giù leggera su Twitter, allegando al grafico della qualità dell’aria di Melbourne, poche ore fa la più dannosa per la salute dell’intera Australia, una frase molto eloquente: “Per quale motivo dobbiamo aspettare che succeda qualcosa di brutto per prendere in mano la situazione?”

Loading...
Loading...

Ma non è finita con Melbourne Park: poco lontano, al Kooyong, era in corso uno dei match dei classici tre giorni di esibizione che precedono il primo Slam dell’anno. La russa Maria Sharapova e la tedesca Laura Siegemund, in pieno secondo set, sono state costrette a fermarsi. Impossibile continuare nelle condizioni che si stavano creando, con una qualità dell’aria di nuovo in peggioramento. Le due giocatrici hanno iniziato a tossire piuttosto insistentemente, risolvendosi poi nel rivolgersi al giudice di sedia. Resta da capire se, e come, potranno svolgersi gli incontri dei prossimi due giorni (sarebbe impegnato anche Matteo Berrettini, ma il condizionale a questo punto è d’obbligo).

Il problema più grande di tutti l’ha sottolineato Steve Darcis su Twitter, riportando l’ormai tristemente celebre vicenda Jakupovic. Il pensiero del belga, che poi è quello di molti, è: “A tutti dicono di restare nelle case e le partite vanno avanti lo stesso? Molto bene!“. La richiesta delle autorità ai cittadini, infatti, è quella di non muoversi dalle proprie abitazioni, proprio perché arrivano i fumi delle svariate decine di incendi della zona (per non parlare delle altre centinaia che stanno devastando l’Australia). A questo punto una domanda semplice, ma lecita, si pone: era proprio necessario obbligare a giocare in queste condizioni, sapendo peraltro del prossimo arrivo della pioggia che avrebbe migliorato la qualità dell’aria tra la notte e la mattina successiva?

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top