Ciclismo, la NextGen dell’Italia: Simone Ravanelli. Dagli Elite all’Androni per confermarsi come uno degli scalatori migliori del panorama italiano

Nei numeri precedenti di questa rubrica abbiamo sempre parlato di atleti U23, oggi, però, cambiamo e vi presentiamo un giovane italiano dal futuro luminoso che arriva dalla categoria Elite: Simone Ravanelli. Prossimo alfiere dell’Androni di Gianni Savio, Ravanelli non è un corridore esploso tardi, come lascerebbe pensare il fatto che abbia dovuto aspettare i 24 anni per passare professionista, ma un ragazzo il cui talento è sempre stato chiaro a tutti, il quale, però, è stato rallentato da alcuni fastidiosi problemi fisici.

Già nella prima stagione da U23, nel 2014, infatti, Simone fu capace di arrivare in top-10 al Giro delle Pesche Nettarine e di chiudere 13°, migliorando il piazzamento di giorno in giorno, al Giro della Valle d’Aosta. L’anno successivo quel 13° divenne un 7° posto, frutto nuovamente di una gara in continuo crescendo da parte del bergamasco. Se guardiamo i nomi dei corridori che arrivarono dietro a Ravanelli, oltretutto, troviamo gente che negli ultimi anni ha ottenuto bei risultati nel professionismo come Haig, Kamna e Schachmann.

Nel 2016, però, Simone è stato risucchiato da un vortice che per due anni non gli ha dato tregua. A fine 2017 non ha trovato un posto nel professionismo e, così, ha deciso di accasarsi alla Biesse Carrera Gavardo, una continental. Nel 2018 la sfortuna ha finalmente deciso di lasciarlo in pace e i risultati si sono visti subito. Il bergamasco ha vinto quattro gare, di cui anche una internazionale, ovvero il Trofeo Alcide de Gasperi. Quel giorno, a parte De Bod 2° a 18″, arrivarono tutti a oltre quattro minuti da Ravanelli. La prestazione più convincente in assoluto, ad ogni modo, l’ha fatta al Giro del Friuli: 5° in classifica generale e terzo nell’arrivo in salita posto in cima al Rifugio Alpino G.Pelizzo, battuto, in uno sprint a tre, da due come Einer Augusto Rubio Reyes e Tadej Pogacar.

Con quei risultati avrebbe meritato di passare pro già nel 2019, ma nessuno gli ha offerto un contratto e, allora, è rimasto in Biesse Carrera Gavardo per un’altra stagione. Deluso per il mancato ingaggio da parte di un team professionistico, Simone è riuscito a elevare il suo livello ulteriormente. Il primo grande risultato è stato il 3° posto alle spalle di Cattaneo e Masnada al Giro dell’Appennino, grazie al quale è stato contattato e, in seguito, messo sotto contratto dall’Androni. Nel prosieguo dell’anno il bergamasco ha sfornato anche altre grandi prestazioni. 2° nell’arrivo in quota di Gérardmer al Tour de la Mirabelle, battuto solo dal grimpeur britannico Daniel Pearson, 1° con vittoria di tappa in solitaria sul Nevegal al Giro del Veneto, 1° al Trofeo MP Filitri con 1’50” di vantaggio su Andrea Bagioli 2°, 1° al Giro del Medio Brenta con 1’56” di vantaggio su Filippo Zana 2°.

Come si è visto nelle varie classiche italiane di fine stagione corse da stagista con l’Androni, nelle quali Ravanelli può vantare anche due top-20 all’Agostoni e alla Tre Valli Varesine e ha come peggior piazzamento un 42° posto al Memorial Pantani, il bergamasco è un corridore assolutamente pronto per il professionismo. Già da ora, Simone, ha tutto ciò che serve per ereditare quel ruolo di puncheur nelle corse dure che fino al 2019 è stato di Cattaneo e Masnada.



La NextGen dell’Italia – Capitoli precedenti
Ciclismo, la NextGen italiana: Andrea Bagioli. Lo sbarco alla Deceuninck-Quick-Step per sognare un futuro da protagonista nelle Classiche
Ciclismo, la NextGen dell’Italia: Alessandro Covi. L’esordio con la UAE sognando le grandi corse a tappe
Ciclismo, la NextGen dell’Italia: Alberto Dainese. Il fulmine azzurro della Sunweb che si ispira a Mark Cavendish
Ciclismo, la NextGen dell’Italia: Samuele Battistella. L’iridato degli U23 approda al Team NTT per stupire anche tra i professionisti

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Sandro Niboli

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
NextGen Ciclismo Simone Ravanelli

ultimo aggiornamento: 06-12-2019


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, Champions Cup 2019-2020: Benetton Treviso, a Lione per ritrovare la strada perduta

Calcio femminile, Serie A 2019-2020: Juventus sul campo dell’Orobica, Fiorentina e Milan a caccia dei tre punti