Show Player

Tennis, ATP Challenger Orleans 2019: Jannik Sinner lotta ma deve cedere all’esperto Bedene in tre set negli ottavi di finale



Termina agli ottavi di finale l’avventura del nostro Jannik Sinner (n.128 del mondo) nell’ATP Challenger di Orleans (Francia). Il giovane altoatesino è stato sconfitto dall’esperto sloveno Aljaz Bedene (n.64 del ranking) con il punteggio di 6-4 4-6 6-4 in 2 ore e 15 minuti di gioco. Un match equilibrato in cui Sinner si è distinto per alcuni colpi di pregevole fattura ma a cui è mancata la dovuta continuità, specie con il dritto. Una prova comunque positiva dal punto di vista caratteriale, vista anche la differenza di classifica tra i due giocatori.

Nel primo set Bedene approfitta di qualche errore di troppo del suo più giovane rivale, per ottenere il break nel terzo game. Forte di un ottimo rendimento al servizio, lo sloveno concede le briciole in risposta all’azzurrino e il 6-4 pone fine alla prima frazione in 34′.

Loading...
Loading...

Nel secondo set Jannik deve fronteggiare una palla break in apertura ma si salva, alzando il livello del proprio tennis. L’altoatesino, infatti, si costruisce ben quattro palle break senza però riuscire a sfruttarle. Occasioni che capitano anche sulla racchetta di Bedene che manca due palle break nel quinto game. Le occasioni si presentano da una parte e dall’altro nel nono e nel decimo gioco ed è l’italiano a sfruttare le chance con ottimi colpi da fondo, aggiudicandosi la frazione sul 6-4.

Il terzo set è quello dei rimpianti per il nostro portacolori. Nel secondo e nel quarto game, il n.128 ATP si costruisce tre palle break ma il servizio è un’arma in più per Bedene. Di contro, Sinner cede proprio in questo fondamentale, concedendo il break nel quinto game e dovendo poi annullare due break point nel settimo. Lo sloveno tiene una velocità di crociera al servizio molto alta e cala il sipario sullo score di 6-4.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Gabriele Menis / LPS

Loading...

Lascia un commento

scroll to top