Show Player

Ciclismo, Coppa del Mondo BMX: Smulders fa doppietta al femminile, vittorie per Sharrah e Kimmann al maschile



Nel weekend a Rock Hill, Stati Uniti, è andata in scena la quarta tappa della Coppa del Mondo 2019 di BMX. Nel fine settimana a stelle e strisce sono andate in scena due gara che come al solito hanno regalato un grande spettacolo. Queste corse sono state la settima e l’ottava prova del calendario di Coppa del Mondo che si concluderà con le ultime due corse il 28 e il 29 settembre prossimo. Nel maschile si sono susseguiti l’americano Corben Sharrah e l’olandese Nik Kimmann, mentre nel settore femminile c’è stata una splendida doppietta dell’olandese Laura SmuldersGli italiani non sono mai stati protagonisti senza nessun quarto di finale conquistato nella due giorni.

Gara uno

Nella gara di venerdì notte a vincere nel settore maschile è stato il padrone di casa Corbe Sharrah. La lotta per la seconda posizione è stata davvero mozzafiato con lo statunitense Connor Fields, secondo, e l’australiano Izaac Kennedy, terzo, divisi da soli 2 decimi. Nella corsa femminile tutto facile per la campionessa del mondo Laura Smulders che vince la prima corsa nel tracciato americano sulla russa Natalia Afremova e la padrona di casa Alise Willoughby. 

Loading...
Loading...

Gara due

Nella seconda gara del weekend l’Olanda a fatto man bassa di successi. Nel settore maschile, infatti, il successo è andato a Niek Kimmann con 0.4″ sull’ecuadoriano Alfredo Campo e 0.6″ sul connazionale Dave Van der Burg. Nel secondo episodio del weekend le interpreti sul podio della corsa femminile sono state le medesime, ma con una variazione tra la seconda e la terza posizione. A vincere, però, è stata sempre l’olandese Laura Smulders con in seconda posizione la padrona di casa Willoughby e la russa Afremova.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

francesco.zambianchi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Pagni

Loading...

Lascia un commento

scroll to top