Pallanuoto, i migliori italiani della 15ma giornata di A1. Andrea Fondelli trascina la Sport Management


La seconda giornata del girone di ritorno della Serie A1 di pallanuoto ha restituito all’Ortigia la zona playoff, mentre il Bogliasco ha manifestato la grinta giusta per evitare la retrocessione diretta. Vittorie, ma non è una novità, per le prime tre della classe: andiamo a scoprire i migliori italiani del massimo campionato italiano.

Giacomo Lanzoni (Bogliasco): sigla un poker ed il rigore decisivo che corona la rimonta contro il Trieste, dando tre punti pesantissimi nella rincorsa ai playout della compagine ligure. La salvezza del club passa anche dalle prestazioni del centrovasca classe 1993, che dovrà trascinare i compagni.

Matteo Spione (Roma): il centroboa classe 1999 contribuisce in maniera determinante alla vittoria dei capitolini contro il Catania con una tripletta. E’ già in orbita Settebello, ora c’è da fare il salto conclusivo verso la presenza costante in Nazionale. Il presente è splendido, il futuro sarà radioso.

Pietro Figlioli (Brescia): veramente una prima stagione da incorniciare per lui con la squadra lombarda. L’attaccante classe 1984 ex Sport Management mette a referto contro la Florentia una nuova prestazione da incorniciare, calando ancora una cinquina. Il Montenegro è avvisato.

Andrea Fondelli (Sport Management): per il difensore classe 1994 prestazione da urlo in casa del Savona per una vittoria abbastanza tranquilla dopo due vittorie risicatissime e soffertissime contro Roma e Spalato. La sua tripletta contribuisce a scavare il solco decisivo nei confronti dei liguri.

Francesco Di Fulvio (Pro Recco): la vendetta sportiva, dopo la sconfitta a tavolino dell’andata, è servita. Ottima prestazione e tripletta anche per il centrovasca classe 1993, che si fa trovare pronto quando chiamato in causa. Ora c’è bisogno della conferma contro il Montenegro.

 

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

scroll to top