Pallamano, storico ai Mondiali femminili: sarà presente anche la transessuale Hannah Mouncey


I prossimi Mondiali femminili di pallamano avranno una nuova storia da raccontare: quella di Hannah Mouncey. In realtà, fino a pochi anni fa, avremmo dovuto chiamarla, anzi chiamarlo, Callum Mouncey: stiamo infatti parlando di una persona che ha cambiato sesso, che dopo aver disputato i Mondiali 2013 come uomo disputerà quelli del 2019 come donna.

Quella di Mouncey è una storia che potrebbe somigliare a quella di tante persone che passano attraverso un simile travaglio, sia fisico che psicologico: sentirsi una donna nel corpo di un uomo. Dopo aver spiegato la propria situazione alla madre, prima ancora che agli amici e al resto della famiglia, ha iniziato la terapia ormonale necessaria per giungere al cambio di sesso a fine 2015, identificandosi poi pubblicamente come donna verso la metà del 2016.

Non è stato semplice, però, poter tornare a giocare ai massimi livelli, e farlo da donna. Perché l’ex Callum ora Hannah il suo sport non voleva abbandonarlo. Tra il 2016 e il 2017 ha fatto ricorso all’aiuto di un ospedale per risolvere le problematiche psicologiche del caso. Nel frattempo Mouncey è stata ammessa a giocare nella versione femminile dell’Australian Football League (in altre parole, il football australiano, che nel Paese ha una popolarità enorme), prima di poter riprendere a competere davvero nello sport che già praticava, e poter poi tornare anche nel giro dell’altra selezione nazionale aussie. Il primo obiettivo l’ha raggiunto, giocando ai Campionati Asiatici svoltisi un mese fa a Kumamoto. Adesso arriva anche la chance dei Mondiali giapponesi del prossimo anno.

Tutto l’orgoglio della giocatrice sta in un’unica, semplice coppia di frasi: “Ho rappresentato le squadre di pallamano maschile e femminile dell’Australia. Sono molto orgogliosa di quello che ho fatto per arrivare fin qui“.

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credits: Shutterstock

Lascia un commento

scroll to top