Ciclismo su pista, ALLARME ITALIA! Velodromo di Montichiari ormai inagibile. Azzurri costretti ad allenarsi all’estero…

DN34PDuX0AIiA60.jpg

Il Velodromo di Montichiari è praticamente inagibile come dimostrano le foto pubblicate da tuttobiciweb.it. L’impianto, infatti, si distingue purtroppo per la presenza di muffa e macchie di umidità, la pista è totalmente rovinata. Sono state messe delle pezze per cercare di frenare la pioggia e l’umidità ma purtroppo non è bastato.

Una situazione gravissima e incresciosa che complica notevolmente il lavoro della Nazionale Italiana di ciclismo su pista, costretta ad abbandonare questa sede di allenamento e a trovare soluzioni all’estero. Fortunatamente la bella stagione permetterà di sfruttare anche dei velodromi all’aperto ma poi bisognerà attendere l’autunno del 2019 per avere a disposizione il nuovissimo velodromo al coperto di Treviso (sperando che i tempi previsti non si allunghino). Il nostro movimento è riesploso negli ultimi anni come dimostrano gli eccellenti risultati ottenuti tra Europei e Mondiali, senza dimenticarsi del trionfo di Elia Viviani alle Olimpiadi di Rio 2016, ma senza delle strutture è difficile confermarsi ai vertici internazionali.

 





(foto Twitter FCI)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

3 Replies to “Ciclismo su pista, ALLARME ITALIA! Velodromo di Montichiari ormai inagibile. Azzurri costretti ad allenarsi all’estero…”

  1. ale sandro ha detto:

    La cosa singolare è che nel frattempo, la federazione europea ha designato questo velodromo sede dei campionati europei under 23 e juniores di fine agosto. E ci saranno anche altre manifestazioni, oltre ai regolari raduni delle nazionali.
    Già l’anno scorso le prime segnalazioni dei c.t. , quindi 8 anni di durata dall’inaugurazione, e questo inverno la lotteria della preparazione ai mondiali, con Salvoldi che porta le ragazze in Germania e Villa che “rischia” lasciando lavorare gli azzurri.
    Mi auguro che facciano la dannata manutenzione, perchè un buco di un anno ,da autunno 2018 ad autunno 2019, gli azzurri/e non se lo possono permettere per preparare una qualificazione olimpica.

  2. Gabriele Dente ha detto:

    Un impianto così nuovo e moderno già accusa tali problemi? E poi si sa almeno quando intendono ripararlo?
    Ma che tristezza!

    1. Federico Militello ha detto:

      Non lo riparano perché nessuno vuole sganciare i soldi…Stanno aspettando che apra quello di Treviso nell’autunno 2019.

Lascia un commento

scroll to top