Seguici su

Sci Alpino

Sci alpino, superG Val Gardena 2017: sorpresa Josef Ferstl! Peter Fill ottavo e migliore degli azzurri

Pubblicato

il

Grande sorpresa nel superG della Val Gardena. A trionfare sulla Saslong è stato il tedesco Josef Ferstl, che conquista il suo primo successo in carriera in Coppa del Mondo. Il 28enne di Traunstein ha sfruttato al meglio il pettorale numero due ed una gara che ha visto un peggioramento delle condizioni della visibilità e del tracciato dopo una decina di discese.

Ferstl ha concluso con il tempo di 1’35″28, migliore di soli due centesimi rispetto all’austriaco Max Franz, che conclude in seconda posizione. Una bella giornata per l’Austria, visto che al terzo posto conclude anche Matthias Mayer, staccato di dieci centesimi dalla vetta della classifica. Per la prima volta dal 2011 non salirà un norvegese sul podio in Val Gardena, con Aleksander Aamodt Kilde che è il migliore, ma al quarto posto in 22 centesimi. Completa le prime cinque posizioni un altro austriaco, Vincent Kriechmayr, che paga 30 centesimi da Ferstl.

Sesto e settimo il tedesco Andreas Sander (+0.38) e il francese Adrien Theaux (+0.39), mentre è ottavo Peter Fill. Una buona gara dell’azzurro, che perde quattro decimi al primo intermedio, per poi rimanere alla pari con Ferstl e pagare alla fine 52 centesimi di ritardo dal tedesco. Dietro Fill si classifica Aksel Lund Svindal, staccato di 60 centesimi dalla vetta, mentre decimo è Beat Feuz a 71 centesimi.

Sfortunati Dominik Paris (+1.74) e Christof Innerhofer (+1.86), entrambi fuori dai primi venti e scesi nel momento peggiore, con una visibilità davvero scarsa a causa di un’improvvisa nebbia, che ha portato anche all’interruzione della gara per alcuni minuti. Entrambi hanno pagato sicuramente la condizione del meteo, non trovando mai fluidità sul tracciato italiano. Ad oltre due secondi (+2.27) chiude invece Mattia Casse.

 





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SULLO SCI ALPINO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Tanaka/Pentaphoto

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *