Softball, l’Italia sale al primo posto del ranking europeo. Enrico Obletter: “Vogliamo entrare tra le prime otto del Mondo”

Italia-Softball-Stefano-Arnaboldi-3-e1498739284675.jpg

L’Italia del softball sale sul tetto d’Europa. L’ultimo aggiornamento del ranking della ESF (la Federazione Europea di Softball) vede le azzurre prime (4425 punti) davanti a Repubblica Ceca (4337,5) e Gran Bretagna (4037,5). Un risultato importante circa lo stato di salute del movimento, visto che tiene conto anche delle squadre giovanili, ma allo stesso tempo sorprendente, dal momento che i Paesi Bassi, che hanno vinto l’ultimo Europeo battendo in finale proprio l’Italia, sono “solo” al 4° posto (4025). L’ultima rassegna continentale è stata fondamentale per il primo posto della Nazionale di Enrico Obletter. Uno dei fattori che vengono presi in considerazione è proprio l’organizzazione degli eventi: l’ultimo Europeo si è infatti giocato in Italia, a Bollate.

L’Olanda, ha commentato il manager delle azzurre sul sito FIBS, “è al quarto posto perché negli anni ha rinunciato a parecchie manifestazioni giovanili e per questo motivo non può essere premiata dai punti di ranking, ma noi sappiamo che nella nostra categoria lei è prima in Europa. E con merito. Il nostro impegno sarà quello di cercare di colmare anche questo gap. Per quanto mi riguarda“, ha proseguito Obletter, “dal punto di vista tecnico è più corretto il ranking globale“. Nel ranking WBSC, infatti, l’Italia è 12^ con 1594 punti, davanti alla Repubblica Ceca, 13^ con 1524 punti, e alla Gran Bretagna, 14^ con 1452. L’Olanda è invece 8^ con 1978 punti. L’obiettivo delle azzurre, dunque, è proprio quello di “entrare tra le prime 8 del Mondo e passare alla seconda fase del Mondiale del prossimo anno“. Parola di Obletter. Senza dimenticare il sogno Tokyo 2020.

IL RANKING EUROPEO

IL RANKING MONDIALE

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL SOFTBALL

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Stefano Arnaboldi

Lascia un commento

scroll to top