Volley, Paola Egonu: “Orgogliosa di essere l’elemento fondamentale della squadra. Voglio un’Italia tutta colorata, basta col razzismo”

Paola-Egonu-Italia-volley.jpg

Paola Egonu è la stella dell’Italia che si appresta a disputare gli Europei 2017 di volley femminile in programma tra Azerbaijan e Georgia dal 22 settembre al 1° ottobre. L’opposto proverà a trascinare la nostra Nazionale e ha rilasciato una lunga intervista pubblicata su Sport Week, il settimanale di Gazzetta dello Sport.

 

Paola non ha mai sentito le responsabilità ma “dopo la finale del Grand Prix dico di sì. E ne sono orgogliosa perché non tutti hanno l’opportunità di essere l’elemento fondamentale della squadra. Spero di essere all’altezza e aiutare la squadra a fare qualcosa di straordinario in questo Europeo“.

Stiamo parlando della miglior marcatrice della storia della Nazionale (39 punti contro la Russia): “Sono sincera, non me l’aspettavo. Pensavo solo a vincere perché quella partita era importante e non stavo contando i punti. L’ho scoperto alla fine“.

Il carattere della Egonu è proverbiale: “Sì, perché quando so di aver lavorato tanto e non riesco a fare le cose, impazzisco. In allenamento mi lascio più andare, in gara mi controllo. Mi chiudo, metto il muso, non guardo più nessuno, non cerco più il contatto di cui ha bisogno la squadra. Da quando sto con il gruppo della Nazionale mi aiutano molto. E poi mi capiscono, sono complicate anche loro“.

Sull’Italia sempre più multietnica: “E’ una delle cose più belle che possa accadere. C’è integrazione e non si sente più tu sei bianca, tu nera. Impariamo culture diverse pur sentendoci tutte uguali. Ci vuole una legge sullo ius soli. Lo sport dimostra che si più convivere. E vincere di più“.

Paola ha aiutato tanti amici ad affrontare il razzismo:Ho un amico di 14 anni che si trova in difficoltà perché non riesce a distinguere gli amici veri da quelli falsi che stanno con lui solo quando hanno bisogno per poi parlare male alle sue spalle. Gli ho detto che sarà sempre così, lo vedranno diverso finché non matureranno. Gli ho suggerito di non rispondere mai agli insulti, perché sarà sempre lui nel torto. Alle insegnanti non interessa chi ha cominciato, chi è nero è sempre il colpevole. Fin dall’asilo. Mi hanno fatto di tutto ma per gli adulti era sempre colpa mia. Oggi mi dicono “Caspita, sei stata forte”. E mi prendono addirittura ad esempio. Durante le partite mi hanno gridato “Cita, tornatene nel tuo Paese”. All’inizio mi feriva, ora no. Non ho un problema io, è ignorante chi ragiona così“.

Non è stato amore a prima vista con il volley, non è cresciuta con Mila e Shiro: “Ero pigra, tornavo da scuola, facevo i compiti e guardavo la tv. Se mi imbattevo in Mimì o Mila cambiavo anche canale. Poi i miei mi hanno costretta a fare sport, proponendomi la pallavolo. Una tortura! Cambiò tutto quando un’allenatrice mi disse che stavo facendo bene“.

Un consiglio alle adolescenti di oggi: “Provateci perché lo sport fa capire quali sono le vere cose importanti. Oggi i ragazzi vogliono sballarsi fumando, bevendo. E’ molto più bello raggiungere un grande obiettivo con una squadra”.

E poi il sogno finale: “Vorrei l’Italia del futuro tutta colorata, altrimenti mi arrabbio“.




One Reply to “Volley, Paola Egonu: “Orgogliosa di essere l’elemento fondamentale della squadra. Voglio un’Italia tutta colorata, basta col razzismo””

  1. Nany74 ha detto:

    Come si fa a non essere d’accordo? Premettendo che resto basito nel leggere che il pubblico del volley è stato in grado di lanciare un insulto come quello descritto (che non ho nemmeno il coraggio di ripetere…), posso solo sperare che certe persone provino sulla loro pelle cosa significa essere trattati così. A volte mi convinco che questi idioti siano solo invidiosi perché è evidente che i ragazzi e le ragazze di colore hanno una fisicità da spavento e senza fare troppa fatica, per cui voglio solo pensare che sia questo il motivo scatenante. Poi ci rifletto e realizzo che alla base c’è proprio un problema di cervello: ignorante e mal nutrito. Siamo tutti bravi a dire che il terrorismo nasce dal plasmare la testa di gente ignorante, ma credo che, forse, prima di commentare quello che succede nel mondo, si farebbe bene a crearsi il minimo della cultura necessaria per evitare exploit del genere, anche dietro casa!
    L’Italia tutta colorata? Assolutamente si!!! Io poi che sono uno di quelli aperti anche alla naturalizzazione degli atleti, figuriamoci se ce li abbiamo direttamente in casa. Cara Paola, continua a giocare come stai facendo ora: sei il più bel risultato della parte sana d’Italia!!!!

Lascia un commento

scroll to top