Canottaggio, da Rio 2016 a Tokyo 2020: tutte le novità e le imbarcazioni che saranno nel programma a cinque cerchi

Pelacchi-Serafini-Fb-Federanottaggio.jpg

Restano sempre 14 le specialità olimpiche nel canottaggio, ma rispetto a quanto visto a Rio de Janeiro nel 2016, a Tokyo nel 2020 ci sarà un’importante variazione nelle imbarcazioni che scenderanno in acqua.

La parità di genere ha imposto un egual numero di prove maschili e femminili e così a farne le spese è stato l’armo del quattro senza pesi leggeri maschile, che non rientra più nel programma a cinque cerchi: al suo posto spazio al quattro senza senior femminile.

Proprio in quest’ottica l’Italia ha varato un equipaggio molto giovane all’opera ai Mondiali negli States: Aisha Rocek, Giorgia Pelacchi (SC Lario), Ludovica Serafini e Carmela Pappalardo (CC Aniene) hanno già difeso i colori azzurri alla rassegna iridata Under23 di Plovdiv. Le prime due sono classe 1998, le altre classe 1995: certamente questo equipaggio potrà crescere molto fino alla rassegna nipponica.

Con questa novità le specialità olimpiche sono identiche tra uomini e donnedue senza seniordoppio pesi leggeri (unica imbarcazione p.l. ad essere rimasta nel programma a cinque cerchi), quattro di coppia seniordoppio seniorsingolo seniorquattro senza senior ed otto senior.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina Facebook Federcanottaggio

roberto.santangelo@oasport.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top