Basket, Europei 2017: Bogdanovic e Marjanovic trascinano la Serbia in finale. Alla Russia non basta un super Shved

Sarà la Serbia a sfidare la Slovenia nella finale degli Europei 2017. È questo il verdetto arrivato al termine della seconda semifinale. La squadra di Aleksander Djordjevic ha dominato il campo contro la Russia, provando più volte a spezzare la partita ma vincendo la resistenza degli avversari solo nel finale. Decisivi sono stati il solito Bogdan Bogdanovic (24 punti e 9/16 dal campo) e un dominante Boban Marjanovic (18 punti e 6 assist). Alla Russia, invece, che ci ha provato con tutte le sue forze a tenere viva la partita fino alla fine, non è bastato un Aleksei Shved in versione extra-lusso con ben 33 punti segnati, 5 assist e 12 falli subiti.

I due osservati speciale delle difese sono proprio Shved da una parte e Bogdanovic dall’altra ma mentre da un lato è il serbo ad occuparsi del russo, dall’altro la Russia opta per i raddoppi, subito sventati dal giocatore di Djordjevic facendo uscire rapidamente il pallone. La Serbia sfrutta alla grande la propria forza a rimbalzo offensivo: sono quattro nel primo quarto, che portano a sette punti. Dopo le schermaglie iniziali è Bogdanovic a prendere per mano l’attacco, portando i compagni avanti con 7 punti segnati (8-14). La risposta, ovviamente, è affidata a Shved, che piazza la tripla del -3 (13-16). I russi provano a correre e rientrano (17-18) sfruttando la velocità ed attaccando presto per evitare che la difesa serba possa schierarsi ed occupare l’area. A chiudere avanti il primo quarto però è la Serbia (20-25).

Nel secondo quarto, invece, inizia lo show di Marjanovic. Il lungo dei Detroit Pistons domina letteralmente il pitturato e la Russia, nonostante la presenza di Mozgov, non ha le armi per contrastarlo. Ma non è solo la sua fisicità ad impressionare, quanto anche la tecnica, che gli consente di liberarsi del pallone e trovare i compagni liberi quando viene raddoppiato. Marjanovic chiude il primo tempo con 13 punti (11 nel secondo quarto) e 3 assist. Soprattutto, la Serbia spacca la partita con un mega-parziale di 15-0 (26-42). Si gioca al ritmo della squadra di Djordjevic, che controlla i tabelloni ed impedisce alla Russia di alzare il ritmo. La squadra di Bazarevich barcolla e chiude il primo tempo sotto 34-48, con 14 punti di Shved ma 0 della panchina.

La ripresa si apre con il botta e risposta da tre tra Vorontsevich e Bogdanovic. Il copione sembra essere lo stesso e la Serbia pare poter dilagare, specie quando Lucic chiude con un alley-oop un contropiede. Proprio nel momento migliore, però, qualcosa si inceppa nell’attacco serbo: la Russia sfrutta alla grande il momento piazzando un parziale di 11-0 con le triple di Shved, Fridzon e Vorontsevich (52-57). Basta il ritorno in campo di Marjanovic a sistemare le cose per la Serbia: un canestro, un rimbalzo in difesa e soprattutto le attenzioni della difesa russa, che di conseguenza aprono spazio per gli altri (52-64). La Russia, però, rimane in scia e chiude il quarto sotto 57-66.

E infatti i russi si fanno nuovamente sotto ad inizio quarto periodo: servono punti dalla panchina e da Zubkov ne arrivano quattro, sfruttando un antisportivo fischiato a Guduric (65-69). Ci pensano Bogdanovic e Marjanovic a rimettere distanza tra le due squadre ma ancora una volta la Russia torna a contatto, grazie a due triple clamorose di Shved (73-75). La stella russa ha addirittura la bomba del sorpasso ma la sbaglia. La Serbia, però, non riesce a chiuderla ed il punteggio rimane in equilibrio in vista della volata finale. Ci pensa Bogdanovic, però, che mostra tutto il suo talento con cinque punti pesanti e decisivi. Shved è l’ultimo a mollare ma alla fine anche lui deve arrendersi: la Serbia vince 79-87, prendendosi la rivincita della partita vinta dai russi nel girone. 

Una partita davvero esaltante, come si conviene per una semifinale europea. È stata la Serbia a mostrare la miglior pallacanestro, frutto di un sistema vincente costruito intorno alle stelle Bogdanovic e Marjanovic e ben orchestrato da Djordjevic. La Russia ha provato a metterci il cuore ma non è bastato. Non è bastato soprattutto uno Shved come non lo si vedeva da tempo a questo livello. A fare la differenza, infatti, la coralità della Serbia, che ha chiuso con 37 punti della panchina, contro gli 11 della Russia. Un dato davvero pesante a questo livello. Domenica, quindi, lo spettacolo è assicurato nella finale che vedrà di fronte la Slovenia e la Serbia.

 

 




 

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Photo Credit FIBA Basketball

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

LIVE Calcio femminile, Qualificazioni Mondiali 2019 – Italia-Moldavia 5-0 in DIRETTA: cinquina azzurra all’Alberto Picco, primo tempo sontuoso!

Tennis, Semifinali Coppa Davis 2017: Belgio-Australia 1-1. Tutto secondo pronostico a Bruxelles