Tuffi grandi altezze, World Series Red Bull 2017: Duque vince a 42 anni in Portogallo

Orlando Duque, colombiano, 42 anni, è considerato il pioniere dei tuffi dalle grandi altezze agonistici e ha vinto il primo oro mondiale Fina, nel 2013 a Barcellona. Proprio da quell’anno, però, non ha più trionfato in una gara delle World Series sponsorizzate dalla Red Bull. Il digiuno si è interrotto domenica 9 luglio nella seconda tappa dell’edizione 2017 disputata a Sao Miguel, nelle Azzorre: con 346.50 punti ha anticipato lo statunitense Steven LoBue (342.45) e il britannico Gary Hunt (330.40), che ora guida la classifica generale con 20 punti di vantaggio su Duque.

Tra le donne prima affermazione della carriera per la messicana Adriana Jimenez (303.50), che con un grande ultimo tuffo si è messa alle spalle l’australiana Helena Merten (284.70) e la tedesca Anna Bader (281.90). Un’altra australiana, la campionessa in carica Rhiannan Iffland quinta, rimane in vetta alla classifica con 20 punti di margine sull’americana Ginger Huber quarta in Portogallo. Prossima tappa domenica 23 luglio in Italia, a Polignano a Mare (Bari).

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Romina Amato Photography | Red Bull Content Pool

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tuffi, Mondiali Budapest 2017: Chiara Pellacani, grinta e leggerezza di una debuttante

Nuoto di fondo, Mondiali 2017: gli azzurri ai raggi X. L’esperienza di Rachele Bruni e Simone Ruffini, la voglia di emergere di Mario Sanzullo