Tennis, Wimbledon 2017: i quarti maschili. Federer cerca la rivincita con Raonic

tennis-roger-federer-twitter-wimbledon.jpg

Wimbledon ha scelto ieri le sue quattro ultime protagoniste, oggi tocca invece agli uomini in una giornata dedicata completamente al tabellone maschile. Infatti è il momento delle sfide dei quarti di finale: Murray-Querrey, Federer-Raonic, Djokovic-Berdych, Cilic-Muller

MURRAY-QUERREY: il numero uno del mondo si presenta favorito sul campo centrale contro il bombardiere americano. Con l’uscita di scena di Nadal, lo scozzese pare avere la strada aperta verso la finale, ma il primo ostacolo è rappresentato proprio da Querrey, capace di eguagliare il risultato della passata stagione. Fondamentale per l’americano mantenere un alto rendimento al servizio e abbreviare il più possibile gli scambi contro uno dei migliori risponditori e lottatori del circuito.

CILIC-MULLER: il secondo quarto di finale della parte alta è quello che mette di fronte il croato al lussemburghese. Cilic è stato finora perfetto nel torneo, agevolato forse dal tabellone ma non ha mai concesso nulla agli avversari e parte sicuramente favorito contro l’artefice della più grande impresa di questo Wimbledon. Infatti Muller è reduce dalla straordinaria vittoria al quinto set per 15-13 contro Rafa Nadal e sogna un altro sgambetto illustre per raggiungere una storica semifinale.

FEDERER – RAONIC: la rivincita della semifinale dell’anno scorso, quando il canadese ebbe la meglio in cinque set contro lo svizzero. La situazione, peró, rispetto al 2016 si è completamente ribaltata e il campione di Basilea si presenta a questo quarto di finale in grandissime condizioni e senza aver concesso un set in tutto il torneo. Dall’altra parte, invece, Raonic non è al 100% ma è comunque uscito vincitore da due battaglie contro Ramos e Zverev. Fondamentale per Milos avere il massimo dal suo servizio, ma questo Federer è difficilmente battibile.

DJOKOVIC-BERDYCH: la cura Agassi sembra funzionare e a sprazzi in questo Wimbledon si è rivisto il vecchio Nole. Il serbo non ha illuminato, ma è arrivato comunque ai quarti senza troppe fatiche e giocando anche un buon tennis. Adesso la sfida contro Berdych, giocatore esperto sull’erba, ma che in carriera ha sempre mancato “l’appuntamento con la storia”, fallendo il salto di qualità tanto atteso. Oggi l’ennesima possibilità, ma Djokovic è chiaramente favorito.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

foto Twitter Wimbledon

Tag

Lascia un commento

Top