Tennis, Wimbledon 2017: le favorite. Serena ha abdicato, chi sarà la nuova regina d’Inghilterra?

Il torneo di singolare femminile di Wimbledon sarà, come già è stato per il Roland Garros di quest’anno, davvero incertol’assenza della statunitense Serena Williams, che ha vinto la scorsa edizione dei Championships (7 trionfi in totale), porta molte tenniste a sognare un trionfo sull’erba londinese, in quello che forse è il più ambito degli Slam.

La ceca Petra Kvitova, appena rientrata alle competizioni dopo le drammatiche vicende patite nello scorso dicembre, ha trionfato nel WTA International di Birmingham, mostrando un’ottima condizione, circostanza che la porta di diritto tra le favorite. Attenzione però, perché la tennista ha saltato Eastbourne per un problema agli addominali. Dalla sua parte c’è anche un curioso dato statistico: lo Slam londinese è l’unico conquistato dalla tennista in carriera, per due volte. Queste affermazioni sono giunte a distanza di tre anni l’una dall’altra, nel 2011 e nel 2014. Dunque, numeri alla mano, quella del 2017 dovrebbe essere l’edizione giusta per un fantastico tris.

Altra favorita è sicuramente la connazionale Karolina Pliskova, la quale però deve sfatare quello che per lei è un vero e proprio tabù: nelle ultime 4 edizioni dei Championships la ceca si è sempre fermata al secondo turno. Pochi quindi sono i punti da difendere nella classifica WTA, che, al termine del terzo Slam stagionale, potrebbe vederla come nuova numero uno al mondo, obiettivo fallito al Roland Garros, quando ha perso in semifinale per mano della rumena Simona Halep. Questa motivazione ulteriore farà certamente compiere a Pliskova un ottimo torneo in Gran Bretagna.

In mancanza della sorella Serena, le speranze statunitensi sono riposte tutte su Venus Williams, semifinalista lo scorso anno, la quale, a 37 anni, è ancora a ridosso della Top 10 WTA, dopo la finale persa ad inizio stagione agli Australian Open. Una nuova primavera per la maggiore delle sorelle Williams, che a lungo hanno monopolizzato il tennis mondiale negli anni scorsi, e che potrebbe trovare il suo apice nel torneo che Venus ha già vinto 5 volte, l’ultima nell’ormai lontano 2008. Proprio lei e Kvitova sono le uniche due tenniste ad aver già vinto il torneo ad essere presenti ai nastri di partenza dell’edizione 2017.

Non andrà sottovalutata neppure la beniamina di casa, Johanna Konta: per la prima volta da molti anni a questa parte la Gran Bretagna torna ad avere una giocatrice in grado di vincere lo Slam londinese, evento che non accade ormai da 40 anni (trionfo di Virginia Wade nel 1977). La britannica ha dimostrato di essere già a suo agio sull’erba giungendo in finale a Nottingham e, in questa fase senza una vera dominatrice del circuito WTA, può dare la zampata vincente nel torneo che la farebbe entrare immediatamente nell’Olimpo del tennis mondiale.

Una citazione la merita sicuramente la spagnola Garbine Muguruza, molto accreditata dai bookmakers, che ha mostrato un buon tennis nel torneo di Birmingham, dove si è fermata in semifinale: non va dimenticato che l’iberica è stata runner up nell’edizione 2015 e vorrà sicuramente riprendersi in classifica quei punti persi al Roland Garros, dove non è riuscita a bissare il titolo dello scorso anno.

Infine, ma non per ultime, bisogna parlare anche delle altre tenniste che, assieme a Pliskova, si giocano il numero 1 WTA, ovvero la rumena Simona Halep e la tedesca Angelique Kerber. L’attuale capoclassifica, che ha più volte visto vacillare il proprio trono, lo scorso anno è stata runner up del torneo, cedendo soltanto a Serena Williams, ma quest’anno non ha mai mostrato la forma smagliante della passata stagione. Al contrario la rumena, che comunque lo scorso anno si è fermata ai quarti, ha fallito il sorpasso già al Roland Garros, ed ora ha una nuova ghiotta occasione che non vorrà farsi sfuggire, Pliskova permettendo.

Come si può vedere, sono almeno 7 le giocatrici che hanno le carte in regola per aggiudicarsi questo torneo del Grand Slam, tuttavia, in questo momento di grande incertezza sulla scena mondiale al femminile, e su una superficie dove non si gioca molto nell’arco della stagione, non si può escludere un colpo a sorpresa come quello della lettone Jelena Ostapenko al Roland Garros.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter WTA

roberto.santangelo@oasport.it

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Wimbledon 2017

ultimo aggiornamento: 28-06-2017


Lascia un commento

Basket, parla Danilo Gallinari: “Quest’estate giochiamo per vincere nonostante le assenze di Gentile e Bargnani”

Tour de France 2017: i transalpini puntano tutto su Romain Bardet, sarà l’uomo della provvidenza?