Golf, U.S. Open 2017, il campione Brooks Koepka: “Probabilmente l’emozione più grande che ho vissuto”

B2kT6qoCcAAE9MT.jpg

Ultimo round da capogiro per Brooks Koepka che trionfa aggiudicandosi gli U.S. Open 2017. Sul percorso par 72 di Erin Hills l’americano porta a casa il suo primo Major della carriera ed ovviamente la girandola di emozioni è davvero notevole: “Probabilmente è l’emozione più grande che abbia mai vissuto. Nel corso degli ultimi colpi ero frastornato, riuscivo a capire poco di quello che stava per accadere”, commenta il vincitore.

Tra lui e Dustin Johnson, campione 2016, c’è una grande e sincera amicizia: “Dopo la vittoria tra di noi c’è stata una lunga telefonata, abbiamo parlato per circa due minuti”.

Koepka, 27 anni di West Palm Beach, pur essendo nel circuito PGA da quasi 5 stagioni, non ha avuto modo prima di questo magico week-end di esultare frequentemente. Dopo il Waste Management Phoneix Open 2015 non era infatti riuscito a bissare il suo unico successo: “Da molto tempo figuro sempre nelle zone alte delle classifiche, senza riuscire però ad impormi. Non sono un fan della sconfitta, ma non impazzisco se non trovo la vittoria. Infondo il nostro compito è giocare al meglio 18 buche, quando torno in albergo sapendo di aver fatto del mio meglio sono già contento. Vivo il momento sul campo cercando di non innervosirmi”.

Frastornato dal successo, Koepka conclude: “Sin da quando ero bambino ho amato questo percorso. Quando un ragazzino inizia a praticare uno sport sogna di vivere giornata come questa, mi sento fortunato. Da oggi dovrò allenarmi in maniera sempre più intensa perchè la nuova generazione di golfisti è clamorosamente forte”.

Foto: Official Twitter PGA Tour

ciro.salvini@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top