Calcio, Europei Under21 2017: il Portogallo. Tanto talento come sempre, ma difficile replicare ancora la finale

Renato-Sanches-4-portogallo-calcio-foto-twitter-uefa-euro-2016.jpg

Continua l’analisi delle dodici squadre che prenderanno parte agli Europei Under 21 di calcio in programma in Polonia da venerdì 16 giugno. Oggi è il turno del Portogallo, squadra capace di raggiungere la finale nella passata edizione, quando venne poi sconfitta dalla Svezia. I lusitani sono stati inserito nel Gruppo B insieme a Spagna, Serbia e Macedonia. Sulla carta le “Furie Rosse” sono la grande favorita per la vittoria dell’Europeo e dunque non sarà facile per il Portogallo provare a conquistare il primo posto del girone, quello che vale la certezza della semifinale. Nella storia i lusitani vantano due secondi posti: quello già citato del 2015 e poi quello del 1994. Addirittura nel 2009-2011-2013 avevano mancato la qualificazione alla manifestazione continentale.
Formazione come sempre formata da grandi palleggiatori e che ha nel centrocampo il suo punto di forza. I lusitani probabilmente pagano l’assenza di un vero bomber che possa fare la differenza, visto che Andre Silva (nuovo acquisto del Milan) è stato convocato per la Confederations Cup. L’obiettivo è quello della semifinale, ma come detto in precedenza la presenza della


CONVOCATI

Portieri: Joel Pereira (Manchester United), Miguel Silva (Vitória SC), Bruno Varela (Vitória FC);

Difensori: João Cancelo (Valencia), Tobias Figueiredo (Nacional), Fernando Fonseca (Porto), Edgar Ié (Belenenses), Pedro Rebocho (Moreirense), Kevin Rodrigues (Real Sociedad), Rúben Semedo (Sporting CP);

Centrocampisti: João Carvalho (Vitória FC), Bruno Fernandes (Sampdoria), Francisco Geraldes (Sporting CP), Rúben Neves (Porto), Francisco Ramos (Porto), Renato Sanches (Bayern Monaco);

Attaccanti: Bruma (Galatasaray), Gonçalo Guedes (Paris Saint-Germain), Ricardo Horta (Braga), Diogo Jota (Porto), Iuri Medeiros (Boavista), Gonçalo Paciência (Rio Ave), Daniel Podence (Sporting CP).

 

Stella della squadra: Renato Sanches. Lo scorso anno festeggiava il titolo europeo con la nazionale maggiore e si presentava al mondo come uno dei migliori giovani centrocampisti del mondo. Il Bayern Monaco ha deciso di puntare su di lui, ma l’ambientamento in Germania non è stato dei più semplici e Carlo Ancelotti lo ha usato un po’ con il contagocce, vista comunque la presenza a centrocampo di giocatori del calibro di Xabi Alonso e Vidal. E’ sicuramente la stella di questo Portogallo e la vetrina della manifestazione continentale potrebbe rilanciarlo al grande pubblico.

Possibile rivelazione: Ruben Neves. E’ considerato da sempre come uno dei centrocampisti più talentuosi in Portogallo e i grandi club europei hanno messo gli occhi su di lui (anche la Juventus). Nelle ultime stagioni al Porto si è un po’ perso, ma questo Europeo Under 21 può davvero rilanciare le sue prospettive.

Il più giovane: Renato Sancehs (19 anni)

Il più anziano: Tobias Figueiredo (23 anni)

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top