America’s Cup 2017, Finale Oracle-New Zealand: i kiwi per la rivincita

Emirates-Team-New-Zealand-Vela-Twitter-Emirates-TeamNL.jpg

Il duello tanto atteso è arrivato. Vinta con merito la Louis Vuitton Cup, Emirates Team New Zealand si appresta a sfidare il Defender Oracle per quella che si preannuncia una finale di America’s Cup equilibratissima. Duello dal forte sapore di rivincita per i neozelandesi che nel 2013 a San Francisco, in vantaggio 8-1, subirono l’incredibile rimonta a stelle e strisce. Proteste, polemiche durate anni che potranno essere finalmente risolte in acqua.

Alle Bermuda un’intera nazione innamorata della vela sosterrà i kiwi che nonostante un budget limitato sono riusciti ancora una volta a portare in acqua una super barca. Merito dell’ingegno neozelandese che ad Auckland ha inventato i grinder in bicicletta. Il motivo? Pedalando si producono più watt. Una genialata rivelatasi sino a questo momento vincente con New Zealand competitiva e sinora vincente in tutte le condizioni di vento.

Scelta azzeccata anche quella di sostituire Dean Barker, passato a Team Japan, con Peter Burling, 26enne di Tauranga, quattro volte consecutive campione del mondo nella classe 49er e vicecampione olimpico a Londra 2012. Un fuoriclasse della vela olimpica che si è preso la rivincita con quel Nathan Outteridge skipper di Artemis e davanti a lui nella rassegna olimpica londinese. Freddissimo, Burling ha sorpreso tutti per la grande calma con cui comunica a bordo anche in momenti concitati come la scuffia contro Land Rover Bar e tre uomini in acqua. La grande brocca consacrerebbe definitivamente questo ragazzone alto 1.90 con gli occhi color smeraldo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Twitter Emirates Team New Zealand

Tag

Lascia un commento

Top