Judo, Grand Slam Baku 2017: triplo oro olandese nell’ultima giornata

Si è concluso quest’oggi il Grand Slam di Baku 2017, secondo torneo stagionale di questo livello dopo quello di Parigi. Nella terza ed ultima giornata di combattimenti abbiamo visto impegnati i judoka delle cinque categorie di peso più elevate, tre maschili (90 kg, 100 kg e +100 kg) e due femminili (78 kg e +78 kg). Ricordiamo che non c’erano italiani presenti nella capitale dell’Azerbaijan.

90 KG UOMINI

Successo a sorpresa per il venticinquenne kazako Islam Bozbayev, che fino ad ora aveva vinto solamente il Grand Prix casalingo di Almaty nel 2013. Questa volta, Bozbayev si è issato per la prima volta in una finale di un Grand Slam, riuscendo ad imporsi con due waza-ari sull’idolo locale Mammadali Mehdiyev. Le medaglie di bronzo sono invece andate al georgiano Ushangi Margiani, vincitore per ippon sull’altro azero Tural Safguliyev, ed all’ucraino Quedjau Nhabali, che ha rifilato lo stesso trattamento all’altro atleta di casa, Abdulhagg Rasullu. Numero uno del seeding, l’olandese Noël van ‘t End ha chiuso solamente settimo dopo la sconfitta con Bozbayev ai quarti di finale.

-90 kg
1. BOZBAYEV, Islam (KAZ)
2. MEHDIYEV, Mammadali (AZE)
3. MARGIANI, Ushangi (GEO)
3. NHABALI, Quedjau (UKR)
5. RASULLU, Abdulhagg (AZE)
5. SAFGULIYEV, Tural (AZE)
7. KUUSIK, Mattias (EST)
7. VAN T END, Noel (NED)

78 KG DONNE

Ha avuto luogo il tanto atteso scontro finale tra le due olandesi Guusje Steenhuis e Marhinde Verkerk, con la prima che ha avuto la meglio, decretando in modo forse definitivo la propria superiorità sulla più esperta connazionale. Con un waza-ari ed un ippon, Steenhuis si è aggiudicata il suo quinto Grand Slam della carriera, imponendosi per la terza volta consecutiva a Baku, mentre Verkerk è uscita malconcia dal tatami. Sul terzo gradino del podio sono salite l’ungherese Abigél Joó e la giapponese Shiori Yoshimura: la magiara ha inflitto un waza-ari ed un ippon alla kazaka Albina Amangeldiyeva, mentre la nipponica ha messo a segno un ippon per rimontare l’iniziale waza-ari della brasiliana Samantha Soares.

-78 kg
1. STEENHUIS, Guusje (NED)
2. VERKERK, Marhinde (NED)
3. JOO, Abigel (HUN)
3. YOSHIMURA, Shiori (JPN)
5. AMANGELDIYEVA, Albina (KAZ)
5. SOARES, Samanta (BRA)
7. HASANLI, Gunel (AZE)
7. TSEND-AYUSH, Naranjargal (MGL)

100 KG UOMINI

Sfida di alto livello nella finale dei 100 kg, dove si sono scontrati il numero due ed il numero quattro del mondo, rispettivamente l’azero Elmar Gasimov e l’olandese Michael Korrel. Dopo circa quattro minuti di golden score, uno shido ha assegnato la medaglia d’oro al ventitreenne Korrel, già bronzo europeo e vincitore lo scorso anno del Grand Prix di Budapest. I padroni di casa azeri hanno ottenuto anche un bronzo con Elkhan Mammadov, vincitore per ippon sul connazionale Zelym Kotsoiev, mentre nell’altro match per il terzo posto l’ungherese Miklós Cirjenics ha avuto la meglio sull’israeliano Peter Paltchik per ippon su hansoku-make.

-100 kg
1. KORREL, Michael (NED)
2. GASIMOV, Elmar (AZE)
3. CIRJENICS, Miklos (HUN)
3. MAMMADOV, Elkhan (AZE)
5. KOTSOIEV, Zelym (AZE)
5. PALTCHIK, Peter (ISR)
7. MINASKIN, Grigori (EST)
7. NIKIFOROV, Toma (BEL)

+78 KG DONNE

La massima categoria di peso femminile ha regalato il terzo successo di giornata alla nazionale olandese, grazie alla venticinquenne Tessie Savelkouls, che si è aggiudicata la sua prima medaglia d’oro in una prova del World Tour. Bronzo a Parigi nel 2016, Savelkouls si è imposta mettendo a segno un waza-ari ed un ippon sulla campionessa europea in carica, la francese naturalizzata turca Kayra Sayit. Doppia medaglia di bronzo per l’Ucraina, che sale sul podio con Svitlana Iaromka, vincitrice per ippon sulla bosniaca Larisa Cerić, e Yelyzaveta Kalanina, che invece ha messo a segno un waza-ari al golden score sulla lituana Santa Pakenytė.

+78 kg
1. SAVELKOULS, Tessie (NED)
2. SAYIT, Kayra (TUR)
3. IAROMKA, Svitlana (UKR)
3. KALANINA, Yelyzaveta (UKR)
5. CERIC, Larisa (BIH)
5. PAKENYTE, Santa (LTU)
7. JABLONSKYTE, Sandra (LTU)
7. YAMAKAWA, Camila (BRA)

+100 KG UOMINI

Campione mondiale cadetti e due volte campione europeo junior, il ventiduenne georgiano Guram Tushishvili si è imposto per la prima volta tra i “grandi”, impressionando soprattutto ai quarti di finale, dove ha battuto per ippon il numero uno del seeding e medagliato olimpico Rafael Silva (il brasiliano avrebbe poi chiuso al settimo posto). Tushishvili ha poi ottenuto l’oro mettendo a segno un waza-ari ed un ippon in appena un minuto sull’ungherese Barna Bor. La Georgia conquista anche un bronzo con Onise Bughadze, che ha battuto per waza-ari il padrone di casa azero Ushangi Kokauri, mentre l’ucraino Stanislav Bondarenko ha messo a segno un ippon sul mongolo Duurenbayar Ulziibayar.

+100 kg
1. TUSHISHVILI, Guram (GEO)
2. BOR, Barna (HUN)
3. BONDARENKO, Stanislav (UKR)
3. BUGHADZE, Onise (GEO)
5. KOKAURI, Ushangi (AZE)
5. ULZIIBAYAR, Duurenbayar (MGL)
7. MEYER, Roy (NED)
7. SILVA, Rafael (BRA)

giulio.chinappi@oasport.it

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tiro con l’arco, Europei indoor 2017: pioggia di ori a Vittel! L’Italia vince anche il medagliere!

Parigi-Nizza 2017: Alberto Contador spettacolo! Attacca ma perde tappa e maglia di pochissimo