Storia delle Olimpiadi: Carlo Airoldi. L’Odissea del maratoneta che non poté partecipare ai Giochi del 1896


Carlo Airoldi nacque nel 1869 alla Cascina Broggio di Origgio (Varese), da una famiglia contadina. Incominciò a partecipare a gare podistiche nel varesotto per poi arrivare a competizioni nazionali e internazionali dove si batté con il suo maggiore rivale del tempo, il succitato marsigliese Ortègue. Nel 1892 trionfò nella Lecco-Milano, vinse in seguito la Milano-Torino; divenne ben presto famoso come uno dei migliori fondisti della sua epoca. Si narra che nel novembre 1895 lanciò il guanto di sfida anche a Buffalo Bill, che in quei giorni era in Italia, in una gara di 500 chilometri: Airoldi sarebbe andato a piedi mentre il cacciatore americano avrebbe cavalcato il suo cavallo. Tuttavia Buffalo Bill rifiutò perché pretendeva di avere a disposizione due cavalli…

Airoldi, oltre ad essere un corridore, praticava altri sport a livello amatoriale come la lotta e il sollevamento pesi, che lo aiutavano finanziariamente. Aveva un lavoro: era operaio di un’importante fabbrica di cioccolata. Egli tentò di partecipare alla I Olimpiade con buone prospettive di vittoria. Però aveva bisogno di denaro per arrivare nella capitale greca; i soldi vennero cercati presso il Direttore del giornale milanese “La Bicicletta”, uno dei più noti dell’epoca. Il viaggio da finanziare si sarebbe svolto a piedi attraverso l’Austria-Ungheria, l’Impero ottomano e la Grecia: un’impresa avventurosa che avrebbe obbligato l’Airoldi a percorrere settanta chilometri al giorno per trovarsi in tempo ad Atene. Il giornale avrebbe anche documentato tutte le tappe del viaggio e fornito il necessario supporto logistico.

La testata milanese accettò la proposta ed il viaggio poté iniziare il 28 febbraio 1896 alle ore 16:00. L’eroico corridore, prima di partire, fece una corsa di riscaldamento di 5 km e venne visitato dal Dottor Favari che lo trovò in “buone condizioni di polso e di respirazione”. Le tappe da Milano a Spalato, passando per Trieste e Fiume, non presentarono particolari problemi, pioggia, strade dissestate e ricoperte di fango a parte. Airoldi era intenzionato a dirigersi lungo le coste dalmate per passare da Cattaro e poi da Corfù.

A Spalato fece amicizia con un veneto che, venuto a conoscenza delle sue eccezionali doti di podista, gli propose di sfidare in una corsa il campione di Spalato. Carlo Airoldi vinse la sfida ma venne aggredito dagli scommettitori slavi, furiosi per la sconfitta… Dopo queste vicende, riprese il viaggio, tuttavia, prima di giungere a Ragusa, cadde e si ferì una mano: fu anche costretto a trascorrere due notti all’aperto per non aver trovato ospitalità.

Gli fu sconsigliato di attraversare l’Albania a piedi per giungere a Corfù perché c’era il rischio di incontrare dei briganti (oltre che per le pessime condizioni delle strade albanesi), per cui s’imbarcò su una nave austriaca che lo fece sbarcare a Patrasso, da dove raggiunse Atene a piedi seguendo i binari della ferrovia in quanto non esistevano altre strade. Come se non bastasse, presso Eleusi l’italiano sbagliò strada e fece 14 km inutilmente; il 31 marzo 1896 Carlo Airoldi percorse gli ultimi 22 km arrivando finalmente ad Atene.

Dopo questa avventurosa Odissea, il nostro eroico Ulisse non fu però ammesso alla maratona a Cinque Cerchi. La vicenda ha del paradossale: recatosi al Palazzo Reale per iscriversi ai Giochi, venne ricevuto dal principe Costantino, presidente del Comitato Olimpico. Qui venne alla luce il premio in denaro ricevuto grazie alla vittoria nella Milano-Barcellona, in base a ciò Airoldi venne considerato un professionista e quindi non accettabile come atleta olimpico. A niente servirono i telegrammi giunti dall’Italia da parte di associazioni e comitati sportivi che tentarono di convincere il CIO che in Italia non esistevano corridori di professione

I suoi biografi hanno visto in lui una delle prime vittime delle manovre di “giustizia sportiva” miranti a favorire un atleta piuttosto che un altro, in quanto la Grecia puntava molto sui suoi tantissimi rappresentanti per vincere la competizione più attesa ed aveva tutti gli interessi ad escludere un atleta forte e temuto come Carlo Airoldi. Nonostante l’esclusione, il lombardo cercò di correre lo stesso la maratona, come “non iscritto”, nel tentativo di dimostrare di essere il migliore, ma venne fermato da un giudice di gara prima del traguardo. Passò anche una nottata in cella per questo…

Il corrispondente de “La Bicicletta” telegrafò da Atene, la sera del 10 aprile: “La corsa Maratona-Atene, che costituiva il classico avvenimento dei giuochi olimpici, ebbe luogo oggi. Vi parteciparono dieci concorrenti (in realtà, qualcuno in più, ndr) fra i quali però nessun italiano, avendo il Comitato mantenuto l’esclusione del nostro Carlo Airoldi. Giunse primo il corridore greco Luis, che coprì i 42 chilometri nel tempo davvero meraviglioso di ore 2,50. L’arrivo del corridore allo Stadio fu accolto dal maggior entusiasmo del popolo greco, che portò in trionfo il vincitore. Non si sa ancora se Luis accetterà la sfida lanciatagli dall’Airoldi”Spiridon Louis non accettò mai quella sfida, Carlo Airoldi, la decisione dell’Organizzazione…

Il giornalista greco Vladis Gavrilidis dimostrò la partecipazione ai Giochi del 1896 di Giuseppe Rivabella, italiano iscritto alla gara di tiro a segno con carabina militare. Alcuni studiosi ipotizzano che altri atleti, come anche il ciclista Angelo Porciatti, abbiano partecipato alle prime Olimpiadi moderne, senza però mai trovare la conferma del CIO.

Racconti che (non) si perdono tra mito e realtà, storie affabulanti impresse su foto in bianco/nero, sbiadite dal tempo sì, ma impossibili da cancellare. Esse costituiscono la base socio-culturale di tutti noi fedeli seguaci del CITIUS, ALTIUS, FORTIUS.

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini
Storia delle Olimpiadi, trentacinquesima puntata: Patrizio Oliva
Storia delle Olimpiadi, trentaseiesima puntata: Giovanni Lombardi
Storia delle Olimpiadi, trentasettesima puntata: Uberto De Morpurgo
Storia delle Olimpiadi, trentottesima puntata: Giulio Gaudini
Storia delle Olimpiadi, trentanovesima puntata: il ciclismo italiano a Tokyo ’64
Storia delle Olimpiadi, quarantesima puntata: Norberto Oberburger
Storia delle Olimpiadi, quarantunesima puntata: Antonio Rossi
Storia delle Olimpiadi, quarantaduesima puntata: la fiamma olimpica
Storia delle Olimpiadi, quarantatreesima puntata: Ulderico Sergo
Storia delle Olimpiadi, quarantaquattresima puntata: Ugo Frigerio
Storia delle Olimpiadi, quarantacinquesima puntata: l’eccezionale ciclismo su pista azzurro ad Atlanta ’96
Storia delle Olimpiadi, quarantaseiesima puntata: i “Tre Moschettieri di Amsterdam”
Storia delle Olimpiadi, quarantasettesima puntata: Enrico Porro
Storia delle Olimpiadi, quarantottesima puntata: Pierpaolo Ferrazzi
Storia delle Olimpiadi, quarantanovesima puntata: il “quattro di coppia” azzurro a Sydney
Storia delle Olimpiadi, cinquantesima puntata: Rode – Straulino
Storia delle Olimpiadi, cinquantunesima puntata: Abdon Pamich
Storia delle Olimpiadi, cinquantaduesima puntata: Alberto Braglia
Storia delle Olimpiadi, cinquantatreesima puntata: Riccardi, Ragno, Cornaggia-Medici
Storia delle Olimpiadi, cinquantaquattresima puntata: Helene Mayer
Storia delle Olimpiadi, cinquantacinquesima puntata: il “quattro con” azzurro 1928
Storia delle Olimpiadi, cinquantaseiesima puntata: Carl Lewis
Storia delle Olimpiadi, cinquantasettesima puntata: Gabriella Dorio
Storia delle Olimpiadi, cinquantottesima puntata: Ennio Falco
Storia delle Olimpiadi, cinquantanovesima puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sessantesima puntata: l’oro del Settebello 1948
Storia delle Olimpiadi, sessantunesima puntata: Giuseppe Martinelli
Storia delle Olimpiadi, sessantaduesima puntata: Irene Camber
Storia delle Olimpiadi, sessantatreesima puntata: Ercole Baldini
Storia delle Olimpiadi, sessantaquattresima puntata: Valentina Vezzali
Storia delle Olimpiadi, sessantacinquesima puntata: Andrea Benelli
Storia delle Olimpiadi, sessantaseiesima puntata: Igor Cassina
Storia delle Olimpiadi, sessantasettesima puntata: Antonio Conte

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Lascia un commento

scroll to top