Giro dell’Emilia 2015: arrivo sul mitico San Luca, Rebellin per il bis?

Si corre oggi il Giro dell’Emilia 2015, una delle ultime classiche italiane della stagione, ma anche una delle più spettacolari, con il bellissimo arrivo sullo strappo di San Luca a Bologna.

Il percorso

200 chilometri, partenza da Bologna Fiere e arrivo, come detto, sulla salita di San Luca. Davvero molto duro il percorso: due salite prima di affrontare gli ultimi giri sul circuito finale. Dopo circa 60 chilometri si inizia a salire verso il Valico di Santa Lucia, poi discesa e si va verso Badolo. Poi discesa ed inizia il circuito finale, da percorrere quattro volte (9.3 chilometri), con protagonista il San Luca (due chilometri con pendenze massime al 20%).

I favoriti

Parte con il numero uno sulla schiena Davide Rebellin, campione in carica. Il 44enne della CCC proverà a ripetere l’impresa del 2014. Da tenere d’occhio lo squadrone dell’AG2R: presenti due capitani del calibro di Jan Bakelants, di recente vincitore della Gran Piemonte, e Domenico Pozzovivo. Per la Caja Rural presente Angel Madrazo, sul podio lo scorso anno. Da seguire anche le Professional italiane: l’Androni con Pellizotti, Gatto e Zilioli, e la Bardiani, con Zardini e Bongiorno.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Gianluca Santo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Davide Rebellin

ultimo aggiornamento: 10-10-2015


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo: Damiano Cunego e Filippo Pozzato, da potenziali stelle a rimpianti azzurri

Ciclismo: Davide Rebellin, quando la passione vince l’età