Volley, Champions League – L’Italia per la qualificazione ai quarti: 5 in campo, ritorni durissimi

Podrascanin-SuperLega.jpg

Due giorni di fuoco per l’Italia in Champions League di volley. Le nostre cinque squadre scendono in campo per il ritorno degli ottavi di finale, provando a strappare il maggior numero possibile di qualificazioni al turno successivo della massima competizione continentale.

La missione non sarà assolutamente semplice e partiamo da una situazione di totale svantaggi: all’andata abbiamo maturato tre sconfitte per 3-0, difficilmente ribaltabili all’estero.

Partite maschili visibili su Fox Sport 2 HD (canale 213 piattaforma Sky), quelli femminili in streaming su Laola.

 

Al maschile la formazione più vicina ai quarti di finale è Perugia. Gli umbri hanno vinto in trasferta per 3-2 contro lo Jastrzebski Wegiel e la sfida di ritorno al PalaEvangelisti (mercoledì 18 febbraio, ore 20.30) può regalare uno storico traguardo ai vicecampioni d’Italia che stanno affrontando la loro prima avventura in Champions League.

I ragazzi di Grbic, reduci da un turno di riposo in campionato che ha permesso di ricaricare al meglio le batterie, sfideranno lo squadrone polacco guidato da Piazza e con Michal Lasko in campo. L’ex opposto della nostra Nazionale era stato sbalorditivo, ma la furia di Fromm e Atanasijevic aveva chiuso il conto. Anche le altre conoscenze del campionato italiano (Bartman, Kaliberda, Pajenk) saranno da tenere d’occhio, con Buti e Beretta chiamati a fare buona guardia, perché il 3-2 rappresenta un vantaggio minimo: servirà comunque vincere la partita, oppure perdere 2-3 ma conquistare i golden set di spareggio, per fare festa.

 

Macerata volerà invece a Lodz dove, di fronte a 13000 scatenati spettatori (giovedì 19 febbraio, ore 18.30), affronterà il PGE Skra Belchatow. I Campioni di Polonia hanno espugnato il PalaCivitanova con un secco 3-0, ipotecando seriamente la qualificazione. I cucinieri, per ribaltare la situazione, dovranno imporsi 3-0 o 3-1 e poi portare a casa anche il golden set.

Sembra una missione impossibile per quanto visto settimana scorsa, ma i Campioni d’Italia hanno sempre delle armi nascoste. È vero che, tutte le volte che hanno perso l’andata, hanno poi passato il turno in Champions League, ma questa volta c’è una montagna da scalare.

Winiarski, Wlazly, Klos, Wrona, Facundo Conte, Uriarte: è uno squadrone che fa paura e che si è già candidato alla vittoria finale. Sembrano non avere punti deboli, ma i ragazzi di Giuliani proveranno a scardinare l’ottimo meccanismo muro-difesa sfruttando al meglio gli attassi di Sabbi e Kurek, che dovrebbe essere tornato a disposizione.

La speranza è che Macerata centri il colpaccio e che vada poi a sfidare Perugia ai quarti di finale, in un derby che garantirebbe una squadra italiana alla Final Four di Berlino.

 

Piacenza è ormai senza speranze. Netto ko per 0-3 in casa settimana scorsa, difficilmente rimediabile nella durissima trasferta contro il colosso Zenit Kazan (giovedì 19 febbraio, ore 16.30 italiane). Gli emiliani sembrano spacciati, reduci da sette sconfitte consecutive in campionato (l’ultima domenica nel derby con Modena), in crisi d’identità e di gioco.

Zlatanov e compagni proveranno a tenere alto l’orgoglio ma c’è poco da fare contro uno squadrone in cui militano Apalikov, Sivozhelez, Spiridonov, Verbov, Mikhailov, Leon Venero, Marouf: il gigante contro Golia.

La squadra vincente sfiderà l’HalkBank Ankara di Lorenzo Bernardi e Juantorena che ieri ha eliminato i Campioni in carica del Belogorie Belgorod.

 

Al femminile Busto Arsizio ha davvero un’occasione d’oro, dopo il bellissimo 3-1 ottenuto sul campo dell’Azeryol Baku. Al PalaYamamay (mercoledì 18 febbraio, ore 20.30) le Farfalle possono agguantare i quarti di finale due anni dopo la cavalcata che portò le allora Campionesse d’Italia al terzo posto. Vincere l’incontro, o almeno il golden set di spareggio, garantirebbe l’impresa a Valentina Diouf e compagne: il gioco delle biancorosse sembra nettamente migliore, mentre Brakocevic e compagne hanno anche dovuto scontare il cambio dell’allenatore (da Chervyakov a Estes) proprio dopo il ko dell’andata.

Se Busto Arsizio passerà il turno sfiderà con ogni probabilità il colosso Dinamo Mosca, che già le sconfisse nel girone eliminatorio. Le russe partono forti del 3-0 ottenuto nella gara d’andata a Piacenza. Alle Campionesse servirà un autentico miracolo sportivo (giovedì 19 febbraio, alle 16.30 italiane) per passare il turno. L’arrivo di Maggie Kozuch ha scaldato l’ambiente ma sembra non essere sufficiente per superare Obmochaeva e compagne.

Lascia un commento

scroll to top