Tuffi, Grand Prix Rostock: avvio d’argento per Cagnotto-Dallapè

58116943cdf981a2242eccc851448c88_XL1.jpg

Doppio argento per iniziare la stagione. Dopo il secondo posto di Tania Cagnotto nell’individuale di ieri, l’Italia dei tuffi conquista un’altra medaglia al Grand Prix di Rostock. Nella giornata conclusiva la bolzanina, in coppia con Francesca Dallapè, sale sul gradino di mezzo del podio con 284.40 punti. Il duo cinese Lin Qu/Chunting Wu vince a quota 305.40, mentre le canadesi Jennifer Abel e Pamela Ware si arrendono alle azzurre per appena sei centesimi. Cina, Italia e Canada si confermano dunque padroni del sincro femminile da 3 metri.

Il nuovo programma della coppia delle meraviglie italiana – triplo e mezzo avanti e ordinario indietro al posto di doppio e mezzo indietro e ordinario avanti – dimostra già buon feeling con la condizione di Tania e Francesca. Le azzurre girano al secondo posto con 95.40 punti dopo gli obbligatori (meglio il nuovo indietro rispetto al già rodato rovesciato) e si confermano argento con i 66.60 punti dell’avvitamento avanti e del doppio e mezzo ritornato conclusivo e i 55.80 del 107b, coefficiente di difficoltà 3.1, buono nel sincronismo ma sporcato in ingresso soprattutto dalla trentina.

Il doppio e mezzo avanti con un avvitamento da 67.50 delle canadesi, probabile preludio al doppio con doppio da coefficiente 3.4 in vista dell’estate, non riesce a completare la rimonta delle temibili nordamericane. Il divario tra Cagnotto-Dallapè e Ware-Abel è alla fine di un’inezia. Quarto posto per l’Olanda (280.20), quinta l’Ucraina (277.80).

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Lascia un commento

scroll to top